La pecorina perfetta che non è una favola o un trattato di etologia ovina ma solo il tentativo di farvi capire che idealizzare è sbagliato…

Ci sono cose che van dette: fare all’amore è anche una questione di estetica.
Chiediamoci perchè. Come spiegate ad un non vedente dalla nascita l’esatta essenza del colore rosso? Non si può fare! Ci si può avvicinare ma non si può fare! Su questo per cortesia evitiamo di aprire discussioni fuorvianti ed inutili.
Abbiamo bisogno di modelli per confrontare e decidere. Tranne quelle cose che non sono belle e brutte ma che noi definiamo belle e brutte che semplicemente come una mano indiscreta ti strizzano le budella o ti strozzano il collo (che non è una licenza poetica ma uno dei tanti modi transitivi di usare il verbo strozzare non provate a correggermi).
Una cosa la capiamo, la conosciamo e la apprezziamo a pieno se ne abbiamo un esempio.

Featured image

La pecorina, ossia la posizione in cui lei è carponi e lui da dietro le fa tutto quel biondoddio, uno la conosce in esclusiva teoria dalla tradizione orale alle scuole elementari. Io devo averne avuto una esperienza intuitiva all’asilo ma questa ancora una volta vi ripeto è una storia che vi spiegherò più in là perchè me la devo ancora far spiegare bene da mia madre. La pecorina la prima volta che la vedi c’hai più o meno l’età in cui puoi accedere ad un video porno qualsiasi. Concordo sul fatto che adesso, con l’uso deregolamentato dei PC e di internet, l’età della tradizione orale possa coincidere con quella dell’autoformazione in materia. Ma questo è un fatto diverso. La pecorina è una posizione univocamente valutata in linea teorica e di principio di coefficente di difficoltà 2/5 sulla scala olimpionica. Non ci vuole poi tanto – secondo il sentire comune. Si tratta di mettersi gattoni, carponi… a pecora!

Featured image

Esattamente come tutte le prestazioni ginniche, però, può essere fatta in modo aggraziato ed in modo sgraziato. In macchina accartocciati sul sedile, scomodissimi e viene male davvero… roba da scogliosi. Oppure su un divano sfruttando come supporto lo schienale del divano, magari. E potrebbe venire bene.
Sì, sfatiamo un mito: per un corretto appecoramento non è mica necessario che ginocchia e palmi della partner siano poggiati sulla stessa superficie parallela al pavimento o coincidente con esso. L’importante è che “appecorato” sia il sedere di lei! Porto… ecco, porto. Da porgere. Ci stanno le digressioni sul tema dei capelli di lei tra le mani. Ci stanno i virtuosismi delle pacche sulla natica. Ci stanno le deviazioni delle mani attorno al collo o sulle spalle. Ci stanno i piedi e le gambe di lui messi così o cosà – ed i mille modi di fare all’amore (cit.). Ma l’appecoramento è sempre un culo offerto.

La pecorina esteticamente perfetta è univocamente considerata quella con la schiena di lei inarcata a disegnare una curva discendente che si rialza in forma di semisinusoide dall’inizio del sedere (e quella sotto è una sinuisoide stretta che c’entra poco per cui Don’t Try This At Home).
La pecorina perfetta assume, così, livello di difficoltà 3 o 4 su 5… perchè… provate a farla! Lo so, lo so… ci state provando tutti. Anche per voi i maschietti. Ci state provando e sia che mi leggiate dalla vostra postazione di lavoro, sia che siate a casa… pure da soli, prima di provarci o mentre vi siete resi conto che ci state provando, vi siete guardati alle spalle. Lo so… non è da tutti parlare di porno così liberamente in piazza. Vabbè… ci state provando? Tranquilli, è molto difficile che ci stiate riuscendo.

Featured image

Perchè la pecorina è una cosa complicata. Te la insegnano alla scuola del porno. Devi impararla. Non è così naturale… è bella faticosa. Devi essere atletica. Avere dei bei lombari d’acciaio per farla bene! E lo sapete perchè? Perchè sarà anche estetica ed avrà la fortuna di non essere involontariamente comica… ma la pecorina fatta così serve esattamente come la mano sul proprio fianco che si mette quello che alla tipa a pecorina sta facendo il biondoddio di tutto quel popò di roba che con una efficace metonimia definiremo “glielo” durante il film porno che state guardndo mentre lei è a pecorina. La pecorina fatta così, è bellissima ed arrapantissima da vedere perchè offre tutto alla vista – e solitamente a farla è una tipa che ha tutte le credenziali per farla, non una col culone a buccia d’arancia o con le varicose sulle cosce o che le si appende tutta la pancia di sotto e io non sono uno che bada a ste cose però quando le faccio per i fatti miei… se vai in un museo vuoi vedere Botticelli non i disegni che facevo io da piccolo.
E deve offire tutto alla vista, penetrazione inclusa… perchè senò che cazzo di film porno sarebbe?
Che porno sarebbe, senza vederla?

La pecorina così si fa sul letto… o sul divano… o nella vasca da bagno. Se c’hai i taccazzi anche il tavolo della cucina va bene. Ma devi avere i taccazzi e saperci stare sui taccazzi.

Invece, solitamente, la pecorina è nel cesso… almeno quelle belle intense. Perchè la pecorina è animalesca… ti scappa e la fai… ed è il modo più comodo di farlo. Nel cesso. Magari poggiati alla prima superficie utile. Tipo il lavandino che comunque è sempre troppo basso per i tuoi gusti e lei però non c’ha i taccazzi ma c’ha le ciabatte e quindi non si slancia quel tanto che le permetterebbe di fare la semisinusoide con la schiena e tutto il resto. Coi pantaloni calati alle caviglie che ti sono d’impiccio a te ed a lei… e quindi senza possibilità di tante contorsioni. Magari nel silenzio cui ti costringi. Per non fare casino perchè non sei solo. O non sei a casa tua. Senza schiaffi sul culo. Senza vederlo nemmeno il culo. E ti accorgi che è bellissima la schiena, coi suoi nei. E ti accorgi che è bellissimo quello che senti non quello che vedi.  E te ne freghi della sinusoide, non è che non ci pensi… te ne freghi!

E se sei bravo, con te stesso, con lei, con tutto quello che sei in quel momento… ti accorgi che anche se nei dieci secondi precedenti ti sei immaginato con la mano sul tuo fianco a guardarti in uno specchio che non c’è con lei perfettamente appecorata con la schiena ed il culo a sinusoide risalente… pure quello che stai facendo è bello. Forse è più bello. Perchè puzza pure un po’… perchè è vero… non è di plastica.

Tutta sta storia della pecorina alla fine è una metafora, la solita pornometafora… per cercare di tirare fuori un piccolo malessere: che bella sarebbe la vita, che bella davvero e che vera… se smettessimo tutti per un giorno solo di idealizzare una cosa che ci piace e ci attira prima di avela fatta. Di immaginarcela in un modo che conosciamo e crediamo sia il migliore dei possibili. Che tanto, ricordatevi sempre… “Tu non sei Tory Lane e rassegnati… io non sono Rocco Siffredi… ed il cesso dove ci stiamo accoppiando a quel biondoddio è tutto fuorchè un anatomico set al servizio delle nostre contorsioni che sono a servizio della sega dell’utente medio di porno”. Che alla fine… non ti deve vedere nessuno… e se ci stai davvero bene inguainato o inguainante in quel momento… credo poco importi il guardare da fuori. Non sei il regista del porno che giri… ma l’attore protagonista della scopata che fai! Perchè il mondo non è porno… ed il porno è la più bella delle bugie fatta ingoiare al Pianeta Terra! Però, se la vita la vivi sperando in una bugia… sai che triste il mondo?

Featured image

(la foto qui sotto è un omaggio tributo ad un attore che è stato il personalissimo mito di me myself and I negli anni di gioventù)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

5 thoughts on “La pecorina perfetta che non è una favola o un trattato di etologia ovina ma solo il tentativo di farvi capire che idealizzare è sbagliato…

  1. gianni ha detto:

    Una verità! Ma lo sai già che vale non solo per il porno vero?

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: