Oggi è venerdì 13 marzo… e io sono furioso! E voi leggerete di martedì 17 che porta sfiga perchè nè di vener nè di marte… ed oggi è pure 17!

Ho letto la storia strappalacrime di un barbone barese che era il nano di un circo… e che è stato abbandonato dal circo, lasciato indietro. “Mamma ho perso il carrozzo!”. Non si può vivere facendo i pagliacci fuori da un tendone. E quindi è normale, quasi regolare, che tu finisca a fare la vita del barbone. Finisca a fare di professione il barbone. Prima che un ente benefico ti prenda e ti rispedisca in Romania, tuo paese natale. Ma Natale viene solo una volta l’anno… ed in Romania che cosa credi di fare? Farai il barbone pure lì, tranneal paranzo di Natale della caritas rumena. Dove sarai il giullare. Mica edificante come prospettiva.

Matthew-Wood-Colin-Lane_460x230

Io ho una passione smodata per i nani. Dice che è patofilia, ma no è corretto. Perchè i nani non voglio mica inchiappettarli. Io i nani non voglio farmeli. Al massimo c’è del voyeurismo patofilo nel mio enorme desiderio di vedere due nani che si accoppiano. Quello sì… ma nient’altro ve lo giuro.

Ed io ho sempre voluto adottare un caso umano, anche maggiorenne. Un caso umano. O anche un caso nano. Io lo dico… poi voi dite pure che sono stronzo! Perchè alla fine se sono qui è anche in funzione catartica di attirare su di me il vostro biasimo e vedere di nascosto l’effetto che fa ad essere il parafulmine del peggio che vive nascosto dentro di voi!

nanismo

Ed alla fine che io sia uno sronzo sadico è evidente… se oggi – che è venerdì 13 e quindi io sono assolutamente scusato – tutto quel che desidero è adottare un nano, un caso umano nano, un caso nano… e portarlo a casa mia. Se lo fa Leonardo di Caprio è un film divertente… se lo faccio io è sadismo d’accatto?! Io voglio adottarlo per sentirmi un potente di quella terra che fu il pianeta Europa nei secoli dal 12 al 16. Voglio un nano da usare in casa come trastullo per i miei commensali nelle feste e nelle occasioni buone. E voglio che mi serva il pranzo e la cena. Voglio che sia il mio maggiordomo. E voglio che si lasci prendere a calci in culo ogni volta che voglio. Ma con amore… perchè per il resto sarei onorato di badare alle sue necessità. Voglio dargli una cameretta come fosse un figlio. Ma voglio che per i miei commensali vada a dormire con indosso la tutina della chiccco e la papalina… e che il suo letto sia la lavatrice Candy di mia nonna. E voglio che a comando si spogli nudo e balli “Just can’t get enough” o “Take on me”. Nel resto dei giorni mi piacerebbe cucinare assieme a lui, non per lui. Solo che se usciamo di casa, voglio mettergli una pettorina e portarlo a guinzaglio… con un guinzaglio estensibile che gli permetta dal mio tavolino al bar di raggiungere il bancone del bar e portarmi il caffè per non scomodare la cameriera del bar. E deve portarmelo con quelle manelle nodose, col vassoio quasi sollevato sulla testa… dicendomi “Domenico, il caffè!”, con la sua vocetta roca. Ma poi torniamo a casa e siamo gli amiconi di sempre. Cosa costa… in confronto alla sofferenza di una vita di stenti… essere un po’ il giullare divertito della mia vita? Nulla… sono convinto che ne sarebbe felice. E poi provvederei anche alle sue esigenze fisiologiche trovandogli una festante compagna non pagata… perchè sono tante che agognerebbero ad avere un piccolo uomo capace di tenerezze che riempiano tutto il vuoto che fisicamente lui lascia. Ma tutto questo solo per spiarlo dalla serratura menre la palpa con le sue manine e le dice “amami… sono il tuo nano” con accento marcatamente di Ostia Lido!

250px-Thomas_Dilward_-_Brady-Handy

Sì oggi vi appaio Eccellenza di Salò o le 120 giornate di sodoma di Pasolini. Oggi vi appaio un sadico depravato. Oggi sono la canticchiante e saltellante anima nera di Domenico… per voi.

Solo perchè alcune brutte azioni mi hanno trasformato, oggi, nella emicrania a grappolo da suicidio di Domenico. E se Domenico non la prende e la butta in oscena caciara… finirà per sfasciarsi la testa contro un muro. E non sta bene!

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

3 thoughts on “Oggi è venerdì 13 marzo… e io sono furioso! E voi leggerete di martedì 17 che porta sfiga perchè nè di vener nè di marte… ed oggi è pure 17!

  1. ysingrinus ha detto:

    Lo vuoi proprio di Ostia, o basta che sappia imitare l’accento?

    Mi piace

  2. Lemniar ha detto:

    Una canticchiante e saltante anima nera dovrebbero poterla tirare fuori tutti all’occorrenza. Chissà la mia dove è e soprattutto che direbbe una volta allo scoperto.

    Piace a 1 persona

  3. rachelgazometro ha detto:

    Sto ridendo con le lacrime😁😂😁😂😁

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: