Allora… del perchè Malthus aveva ragione…

Innanzitutto in nuce che diceva Malthus?
Innanzitutto chi era questo signore? Va bè… se non lo sapete documentatevi perchè non è che ora possiamo stare a scrivere tutta la storia di questo protosociologo un po’ darwinista ma deragliato dai binari del Darwinismo reale…
Cosa diceva in nuce il signor Malthus? Che siamo troppi sulla faccia della Terra e che i medicinali hanno creato un pochetto di casini e che avremmo rimpianto laa rivoluzione agricola e quella industriale… e che troppa igiene è sbagliata e che sostanzialmente dovremmo accettare con più serenità che essendo parte di un sistema complesso che si chiama Mondo che non è assolutamente al nostro servizio… anche noi dobbiamo con serenità morire.

PSM_V74_D416_Thomas_Robert_Malthus

Io questa è una cosa che dico da un sacco di tempo. Siamo tanti, troppi… e non sempre nel riprodurci ed occupare casellette che si chiamano spazio, nel pianeta, lo facciamo con criterio ed a giusto diritto o a giusta ragione. Ci riproduciamo troppo e inibiamo, col nostro riprodurci e col nostro evitare a tutti i costi la morte, una serie di sistemi di blocco (veri e propri interruttori naturali di riequilibrio) che la natura aveva creato per riportare il numero degli abitanti umani del pianeta terra a livelli accettabili e sostenibili.
I cavalieri dell’Apocalisse se li erano inventati gli ebrei – che hanno indiscutibilmente il dio più figo di tutti – per giustificare il fatto che la Natura ogni tanto ti scatenava contro delle cose mica male in quanto a cattiveria e sadismo nei confronti del genere umano che da soli rimuovevano camionate di persone… e riequilibravano la bilancia con la natura.
Che cos’è questa bilancia? Semplice, l’equilibrio tra risorse comunque date dal pianeta, risorse prodotte e popolazione. Quando il saldo di questa bilancia è in favore delle risorse o è in pari il pianeta sta bene… E NOI STAIMO BENE… quando il saldo è passivo per le risorse… il pianeta soffre. E se il pianeta soffre si attivano questi sistemi di blocco che inculano il genere umano e lo riducono in numero drasticamente.

morte-nera-peste-300x176

Allora… prendiamo il ‘300… venivamo da due secoli di sostanziali progressi in campo della salute, della salubrità, della produttività. Gli anni bui dell’alto medioevo erano alle spalle, si stabilizzavano gli stati… e la popolazione cresceva… nel 300, arrivati ad un limite non sostenibile di popolazione per le risorse date e le capacità di sfruttarle… Pum: la Peste del ‘300. Camionate di persone crepate… e poi… poi non siamo morti tutti. Sono sopravvissuti i più forti (non i più ricchi o fortunati) ed abbiamo assistito ad una cosa bellissima e splendida che si chiama Rinascimento: il 400 ed il 500… no? Vogliamo dire che non è vero? Accettando passivamente la Peste, decimandoci, siamo tornati in saldo attivo per le risorse sulla bilancia e siamo stati così bene che… tipo… abbiamo scoperto le Americhe, la proporzione nel disegno, ci siamo inventati sistemi di governo nuovi e moderni, le banche, la medicina, abbiamo migliorato molto gli standard architetturali, abbiamo imparato a dire con la signoria di Siena che “Solo senza paura l’uom franco cammina…”. Mica poco. Solo che siamo cresciuti troppo… e dopo poco… nel 600… altra ondata di peste… più forte perchè ervamao cresciuti veramente troppo. Bum! Drastico calo degli abitanti del pianeta… ma mica una tragedia… poi… poi il ‘700, l’illuminsimo…  tutto quel che ne comporta.
Sì, d’acordo… tutto quello che ha portato a questo sfacelo… tipo dopo qualche tempo l’invenzione della medicina così come la conosciamo e della penicellina… bastarrdo d’un fleming… però… vogliamo negare che la pestilenza era funzionale al riequilibrio della bilancia?
Vogliamo negarlo per il fuoco? Vogliamo negarlo per la carestia? Vogliamo negarlo per la guerra che si attiva sempre e comunque di fronte ad un momento di ridefinizione degli assetti spaziali e di accesso alle risorse tra popoli che si sono troppo espansi?

Lo sapete come fanno a disinfestare gli ambienti i disinfestatori seri quando i ratti superano di gran lunga un limite imposto entro il quale le esche e i rimedi funzionano? Semplice: metodo Chernobyl: si cementa e si piomba tutta l’area e si ritorna dopo un anno solare… quando il numero sarà drasticamente calato per cannibalismo e malattie collegate alla sovrapopolazione. Quando sarà possibile tornare ad intervenire con metodi tradizionali.

Malthus sostanzialmente afferma che la natura si muove e vive secondo una legge singola: funziono bene e sto bene se sono in equilibrio tra risorse prodotte e popolazione che vi accede. E’ idiota ed autodistruttivo ogni sistema che cerca di falsare questa regola aurea. Pensateci ogni volta che vivete con una sciocca felicità l’idea che siamo così tanti sulla faccia della terra!

i cavalieri

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

5 thoughts on “Allora… del perchè Malthus aveva ragione…

  1. ysingrinus ha detto:

    Sono dell’idea che non è un problema reale: la Natura ad un certo punto corre piú della scienza e PUM ti fa la pandemia tanto agognata. Dici che ora con Fleming e compagnia la Natura non riesce piú? Probabilmente anche nel ‘300 e successivamente nel ‘600, si era convinti di essere all’apice della conoscenza e che quindi, escludendo Dio, l’umanità era invincibile.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: