Venerdì balliamo ognuno con il suo iPod, ognuno conla sua canzone a palla nelle cuffiette…

… le tue sono fucsia, sì le tue cuffiette fucsia, auricolari. Perchè? perchè non hai scelto quei modelli così trendy che simulano i cuffioni hi-fi da dj, quelli con la spugna morbida e la pelle finta intorno ad isolare le tue orecchie da orsetto, rotonde e piccoline? Io ho i cuffioni da disc jockey orientabili… eredità di un me stesso passato, non morto. Mettiamo gli iPod in tasca. Balliamo solo un pezzo e sono sicuro che uno dei due finirà prima. E chi non ha più musica deve improvvisare. E solo io o te lo sapremo che la benzina altrui è finita. Ma si fa finta, no? Teniamo il gioco e continuiamo.

book-cover-hipster-love121.jpg

Si chiamano Silent Disco e tirano un sacco in tanti posti diversi tranne che in questa Italia mezza aragonese e mezza leghista dove la caciara è per contratto. Cuffiette e iPod wireless… e tutta la musica che vuoi già sistemate in playlist ordinate per genere. Non saremo di sicuro così attrezzati, ognuno con le sue belle canzoncine adorate, ma voglio vederti togliere le converse ballando. Non hai lo stivaletto… e ti pareva? Troppo scontato, no? Voglio vederti togliere le converse mentre saltelli, però non scalciarle via… che non è tecnicamente casa mia e se spacchi qualcosa a me rompono il culo… e dei cocci non saprei proprio che farmene, dei miei, di quelli del mio sedere e di quel che rompi.

d855f584964c5def1a37497bfab2937e.jpg

Poi facciamo che io guardo tutti i canali trash che hai e l’ultima puntata di Grey’s Anatomy mentre tu di là mi prepari la minestrina: stelline col formaggino o vellutata di asparagi coi crostini… ma i crostini non valgono se non li hai fatti con le tue mani, con un po’ d’olio nella padella e pezzetti di pan carrè da abbrustolire dentro. E un pochino di parmigiano, un cucchiaio basta. Ah, sì… nella zuppiera, non nel piatto… mi hai visto quanto sono piccola? Non sono la scimmiona, sono la scimmietta… devo crescere ancora io, nanetta!”.

Io cose così non le posso leggere, non le riesco a capire… non dopo quel che è successo negli ultimi dieci giorni. Santi quegli anni in cui la messaggistica doveva avere il dono della sintesi compressa in 160 caratteri. Ed ogni messaggio costava duecentolire… o dieci cent.mi. E non c’er ancora quel girone infernale per i cmpulsivi del tasto invia ogni mezzo rigo e dieci caratteri. “Signora mia ma li sente lì che trillano impazziti ‘sti telefonini?”

silent_lovers__by_mala_lesbia-d5i95xb.jpg

Io cose così non le posso leggere, non le riesco a capire… soprattutto se poi il programma della serata è quello di guardare entrambe le parti del film di Lars Von Trier “Nynphomaniac”. Insieme sul divano, col plaid. Ma non testa e testa… testa e piedi, piedi e testa. E la coperta che lascia scoperta la faccia. E due cuscini, uno ciascuno. Così è vietato baciarci. Tanto “di morderci i piedi non credo avremo voglia, e poi i miei li devi trovare, che sono piccina…”. Lo sai che dopo sarà tardissimo scimmietta?

Sì che lo so, sarà tardissimo… andremo a nanna. Come, non te l’ho detto? Prendo la valigia per venire da te a ballare nella nostra silent disco, porto il pigiamone per mangiare la minestrina, metto i calzini antiscivolo da nonnetto per guardare il film, tanto i plaid li hai tu ed io le sigarette me le preparo prima, mentre guardo “Malattie imbarazzanti” oppure il mio serial drammatico sentimentale e medicale. Dopo il film andiamo a nanna, insieme, nel lettone. Ce ne andiamo a dormire ognuno col suo cuscino sotto il braccio. Ognuno dal lato suo. Buio pesto senza leggere, chiudiamo gli occhi senza parlare… però mi dai un bacino, uno solo, senza nemmeno un pezzetto di lingua sulle labbra. Nemmeno un pezzetto, senò mi rivesto e me ne vado con la macchina a casa.”.

cute-different-hipster-love-nebula-Favim.com-140199.jpg

Ok e… quindi? Cioè, spiegami, scimmietta… dopo?

Se domani ti svegli e scorpi che ti piaccio proprio tanto, ma proprio tanto da non resistermi anche se non faccio niente, nel letto che non è banale, ti alzi, ti prepari il caffè, mi prepari il caffè, me lo porti e lo prendiamo insieme. Amaro. Niente biscotti e dolcetti. Poi mi lasci il bagno grande che una signorina non si guarda mentre si lava i denti e tu ti lavi i denti nel bagno piccolo. Appuntamento di nuovo nel lettone tra dieci minuti. Se domani, dopo il caffè, dopoi silenzi vichinghi del risveglio, dopo i denti lavati e la pipì fatta, se domani ti piaccio ancora e se davvero ci credi… chiudi la porta di casa, datti malato, non ci sei per nessuno, io ho preso le ferie. E il lunedì mattina, dopo colazione mi dai un bacio, ti do un bacio, e scappiamo a lavorare. Ed è tutto come prima, ma più bello, più vicini, più insieme… e poi boh, se siamo bravi bravi bravi chissà, potrebbe essere bello e divertente, no?”. 

L’unica cosa che so dire è che venrdì è “Natale”.

vintage-keyboard.jpg

“No, no, no Morte, no Dò, non hai capito. Guarda che si parla di venerdì 8 gennaio… Babbo Natale e la Befana devono trovarmi a casa, senò i regali come fanno? I bimbi bravi stanno a casa propria alle feste. Stanno a casa e fanno i bravi, hanno la tombola, il mercanteinfiera e io voglio sempre la pagoda e il lattante e il moschettiere e secondo me vinco… vinco tutti i soldi del mondo e smetto di lavorare e di debilitarmi e divento davvero l’antidiva. E tu, tu hai la tua di tombola, il tuo tabellone, i poker con gli amici ed i giochi dei grandi e forse vinci tanti soldi e magari Babbo Natale ti porta la fichetta, finalmente, e vorrai fare le prove… poi la Befana ti porta le tre bisacce che hai chiesto… e magari dentro ci trovi non cenere e carbone per gli attributi che non sai, ma le cose che cercavi. E quando ti chiamo la sera del seigennaio e le feste l’epifania se le sta portando via, mi dici sì… e mi dici che canzone ballerai. E io la mia non te la dico… e cerco la durata della tua canzone per scegliere se quando giocheremo a ballare nella silent discovorrò far finta di ballare o guardare e che fingi di ballare, dicendomi sì senza far finta.”.

hipster-wallpapers-set-5acb8c-h900.jpg

Ci sono post perfettamente ucronici postati live. Cioè tipo… questo fatto… quando è successo? Perchè io l’ho appena finito di scrivere! Ma non posso assicurare che le date coincidano. Si mettono a volte nei post telefonate lunghe, lunghe davvero… da “Via dei pazzi, numero Zero”. E chiudi, sorridi come uno scemo… e scopri che ti stai cagando addosso.

Per chi cercasse una linea temporale…
Evento 1 ed Evento 2.. quello che avete appena letto è Evento 3.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

36 thoughts on “Venerdì balliamo ognuno con il suo iPod, ognuno conla sua canzone a palla nelle cuffiette…

  1. alidivelluto ha detto:

    il link all’evento uno a me non va

    Piace a 1 persona

  2. alidivelluto ha detto:

    e mi pare che le cose stiano prendendo una giusta piega 😉

    Piace a 1 persona

  3. chezliza ha detto:

    Scusa…
    Io sn il Grinch…e tutto sta’ cosa mi suona falsa cme una moneta da 3 euro.
    Perdona.sara’ che ho imparato a volerto bene.

    Piace a 1 persona

  4. chezliza ha detto:

    *volerti bene
    E no
    Non e’ niente di zozzolercio che dn troppo vecchia mannaja ‘a mort!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: