Oppure aprirò una agenzia creativa e sarò creativo. Inventerò vite che non ho vissuto…

… per sentirmi semplicemente vivo in modo diverso. Nè più, nè meno di quanto vivo io non lo sia e non mi ci senta. Semplicemente perchè una vita non basta. E ventiquattro ore sono decisamente troppo poche per chi come me studia, scrive e scatta. E ci sono tante di quelle cose che vorrei fare davvero.

bed-time3.jpg

Le fotografie subacquee no! Fotografare un branco di lupi mi piacerebbe. Vivere un branco di lupi mi piacerebbe. Ah sì, mi piacerebbe tecnicamente incontrare nel parcheggio dello stadio San Nicola una che “Biondoddio con quella che ci farei!”. Scoprire che vive a tre passi da me. Scoprire che è lì per scopare, scoprire che non costa niente. Chiedermi dov’è la fregatura e rispondermi che non c’è. Tanto l’ho inventata questa vita che vivo in questo momento. Non è la mia. Domani mi sveglierò e sarò lo stesso. Ma se l’avrò scritta così bene, ma così bene… mi sembrerà sia proprio la mia. Sentirò la puzza, il profumo, ancora sulle dita e sul petto. Avrò peli di pelliccia di lupo sui pantaloni della tuta. E magari li lascerò sui sedili dell’auto di lei.

hqdefault-1.jpg

Tuffandosi da una storia all’altra potrei confondere le vite desiderate tra loro, mescolarle ed avere ogni giorno esperienze sempre nuove. Non avrei i brufoli da muta sul culo, quelli no. Non farei immersioni fotografiche. Puoi vivere tutte le vite diverse che vuoi ma mai dimenticare di essere claustrofobico.

piccolavedetta.jpg

Per questo nell’agenzia creativa avrò stampanti robuste, toner inesauribili e tanti, tantissimi cassettini. Uno, due, tre per ogni giorno dell’anno. Beata committenza. Beato me… sempre sicuro di non mescolare i piani, le vicende, le storie, se non ve ne sarà estremo ed assoluto bisogno.
Indosserò ogni giorno occhiali nuovi oppure li avrò appena tolti, appena cambiati con lenti a contatto diverse. Oggi giornaliere, domani chissà. Domani una videocamera fullHD dietro la pupilla. Domani, forse, sì. Avrò cannottiere a costine bianche macchiate del ragù della domenica, di trenette al pesto di giovedì. E cappotti spigati elegantissimi. E pantapalazzo di fustagno bordeaux. Ogni capo per il suo giorno. Ogni giorno con la sua storia. Poi li miscelerò e sarò i protagonisti del video di Gazzè in cui incrocia le dita e si beve un caffè.

Cuore_edmondo[1].jpg

“Lei dunque esclude – mi faccia capire bene – che la committenza per i servizi della sua azienda possa essere altro da lei? Sa, dettagli non da poco nello stilare un piano economico per la start-up!”.

Lei non m’ha capito. Lei non ha compreso la eroica portata di questa intrapresa, caro impiegato dagli occhiali iperleggeri in titanio. Lei davvero non ha capito. Non creda, mio caro, io sia l’unico convinto di non potersi far bastare le ventiquattro ore. Evviva il comunismo e la libertà ci hanno raccontato che avremmo lavorato trentacinque ore. Fischia il vento e voi vivrete la vita un’ora di più. Lavorare meno, lavorare tutti! Non sono il solo a non accontentarsi di ventiquattr’ore mio distinto, giovane impiegato. Quella del giorno gregoriano e copernicano è una misura che sta stretta a tutti. Tutti lo vogliono, tutto. E lo vogliono subito.

83577F9A-59AF-11.jpg

E qui arrivo io, qui arriva lamia agenzia – non mi distragga, non so ancora come chiamarla. Venderò loro esperienze ben scritte, redigerò per loro storie robuste, calibrate sui desideri, sulle aspettative, sui sogni e sulle curiosità. Perquisirò febbrilmente gli angoli delle loro camere, saggerò quanto aspri possano essere i loro spigoli e guarderò alle anse delle loro vicende. Scriverò frammenti delle loro vite. Li indosserò per un po’, con estrema attenzione, per non gualcirne nemmeno una virgola. O un punto e virgola. Solo allora li piegherò con cura, infilerò gli spilli fermastoria e incarterò il tutto: “Il giorno dopo del tuo matrimonio, dalla sveglia alla buonanotte…”.
Non so perchè non m’abbia chiesto il giorno del matrimonio. Non so perchè m’abbia chiesto proprio quello dopo. Lo stress, l’ansia… paura che gli scappi da cacare. Non so perchè quell’altro mi abbia chiesto il giorno in cui la sua ex conobbe l’uomo per cui l’ha lasciato. Mi chiese di inventarmi che c’era, quel giorno. E guardava. Masochismo. Bisogno di risposte in assenza di certezze. Sarcasmo da vendere.

bed_time_luis_tosar-51172294.jpg

“Mi dica – sempre per avere una idea chiara – ci sono business anche solo leggermente differenti dal core che escluderebbe? Sa, come gli avvocati che non prendono cause di stupro…”.
Sì, escludo di scrivere alternative. Escludo di scrivere lieti fini possibili. Escludo di scrivere tragedie probabili. Quelle sono vite proprie, così personali da non volerle guardare. Non chiedermi di togliere il cancro. Non chiedermi di non farti tradire. Quel biglietto del superenalotto non vincerà mai. Tuo nonno non ci sarà, neppure questo Natale. Io non cucio addosso alternative, non so riaddrizzare in commedia i drammatici.

Sia chiaro, guardi, come forse lo è stato a quello lì su che mi ha chiesto il giorno dopo del suo matrimonio. Ho un’etica: regalo modellini non impianto protesi. Sembrerà tutto vero ma quando arriverà, l’infarto, a prudere sarà comunque il braccio amputato.

11759-arto-fantasma-e-immagine-corporea.jpg

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

10 thoughts on “Oppure aprirò una agenzia creativa e sarò creativo. Inventerò vite che non ho vissuto…

  1. ysingrinus ha detto:

    Alcune foto sono tratte dal film bed time? Dove la “e” di bed è sia una “e” che una “a”?
    Quasi la versione Lo-Fi di Total Recall quest’articolo!

    Piace a 1 persona

  2. lamelasbacata ha detto:

    Non ti occupi né delle cause né delle conseguenze di ciò che la vita offre, ma sei una sorta di scenografo delle circostanze. Interessante ruolo 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: