Archivi categoria: Vita da Neo-Single

Memorandum per neo-single… attenti ai cloni

Scoprire di avere un sosia in giro per il mondo non è una esperienza entusiasmante. Ne abbiamo tutti sette. Il problema è che il corredo genetico che ci porta ad avere quella faccia di cazzo, quel colorito di cazzo, quei capelli o non capelli di cazzo… non corrisponde al vissuto emotivo, alle esperienze, al tuo assorbimento dell’inconscio collettivo, non corrisponde a quel che porti, oltre alla tua faccia di cazzo. Per dire, oltretutto: il tuo sosia potrebbe essere la tua versione calva, capellona, cicciona, magra, incanutita, vecchia bambina. Non è un fatto di sosia.

Anche se ti assomiglia parecchio. “No, attento, c’ha i capelli!”. Ok io li sto perdendo, tanta carne… ho il cervello che preme per fare aria togliendo cose inutili. Ho il cuoio capelluto condizionato al freddo ed alle intemperie, dunque sono meglio selezionato. Senza capelli sono meno molliccio… e mi sta bene!

Il problema è quando il sosia si mette all’angolo è compare il clone… uno che pensa quello che tu hai sempre pensato, ama le cose che tu hai sempre amato, condivide su FB le tue stesse cose, fa ragionamenti identici ai tuoi con la stessa pacatezza e lo stesso senso del relativismo. Io non ho l’esclusiva sui pensieri e sui gusti. Io non ho l’esclusiva sui gradimenti. Registro due cose di pessimo gusto: non sta bene esere felici di ricevere le stesse identiche dediche, non sta bene riciclare i like, non sta bene entusiasmarsi per cose identiche alle quali ti entusiasmavi con me.

Non sta bene massimamente se dici che sono un coglione. Non sta bene o per la sincerità che protesti in giro di avere… o per la quota minima di legittima della tua sanità mentale e della tua aderenza al reale.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

… attento!

[mi rivolgo a un pubblico maschile ma vi assicuro che la cosa è ampiamente rovesciabile… quindi, anche per voi le donne (cit.)]
Attento, caro neo-single, alle inversioni ad U della tua ex che, misteriosamente, proprio quando tu avevi pronosticato sarebbe successo, tornerà a farsi sentire. Attento, neo-single, lo sapevi, hai avuto ragione ancora una volta.

Ricordi quando ti disse. Non sei più il simpatico e fine umorista che eri? Non sei più solare? (e tu le dicesti certo che lo so, cazzo, l’ultimo anno con te avrà pur lasciato degli strascichi… l’imperturbabilità di Giobbe e la sua pazienza proverbiale sono tematiche di un best seller fantasy, mica cose reali…). Ve lo ricordate? Bene, avete visto da soli come, con due o tre mesi di recupero di voi stessi, vi siate riscoperti i soliti minchioni solari, simpatici, raffinati o zotici… ma sempre fini umoristi, capaci di incollare un sorriso sul viso di una donna e non farcelo staccare più. Vuol dire che mi avete ascoltato. Vuol dire che da soli avete certificato che siete stati bene. Avete sofferto, ma ogni percorso di rinascita porta a sofferenza. Chiedete a vostra madre com’è stato cacarvi…

Adesso… ricordate cosa dicevate? Tornerà… tornerà dopo le feste, pian piano. Sta succedendo, vero? Ovvio che sì, l’avete sopportata per mesi ed anni, la conoscete meglio di chiunque altro, quasi quanto la madre, che però non ammetterà mai che avete ragione. Dunque, eccola che vi ri-gironzola attorno. Riscorpendosi attratta da quel vostro essere tornati, esattamente come protestavate, lo stronzomerdone di sempre.

Ecco, pover stronzi… fatevi un bel regalo, adesso… eh! Non provate nemmeno per un istante a lasciarla riavvicinare. Ricordate che il ricambio del saluto è una convenzione borghese e che sui borghesi e le loro convenzioni vi è più o meno sempre piaciuto pisciare in testa. Ricordate che avreste potuto far da meno di lei già da tempo, ma eravate troppo stupidi per capirlo. Ricordate quanto state bene e soprattutto…

… perchè arriverà anche questo siparietto degno di una commedia dell’assurdo, ricordatele che non siete degli imbecilli ma lei è da DSM IV (per chi non lo sapesse, validissimo manuale di psicodiagnostica) nel momento in cui vi dirà: “Visto che ho fatto bene a spronarti così? L’ho fatto per te!”. Prima di indirizzarla dal miglior psichiatra che eventualmente conosciate, chiedetele se anche quando si trombava il tipo con cui l’avete vista, dopo che lei aveva urlato insultandovi “Ma sei coglione? Un altro? Ma allora sei proprio stronzo!”, faceva tutto per spronarvi e tutto faceva parte del piano per la tua rinascita.

Vi caga la mamma, non vi fa rinascere una stronza! E di mamme ce n’è una sola!

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

Gianni, Francesca e… Un mercoledì da trimoni! E presagi!

Gianni scorse Francesca al fondo della via.
Gianni considerò che da qualcosa come due mesi o tre non si erano più rivolti la parola. Nemmeno per sbaglio.
Gianni pesò e soppesò in termini di grammi, etti e quintali, il numero di ciao ricevuti, il numero di telefonate fatte… ed il peso che avevano dimostrato quando erano andati via, spariti, evaporati. Gli erano apparsi opprimenti, quelli di circostanza, quando capitava s’inciampassero tra i piedi, per strada. Gli era sembrato pesassero quintali, per davvero. Erano spariti libearandolo.

bianca

Quando la vide avvicinarsi dal fondo della via, considerò che avrebbe avvertito lieve il peso dell’assenza di saluti e formule di ritoSntì tangibilmente lo sterno sollevato. Si ricordò dei montagnoni da piccolo… uno sull’altro, a cinquine, a decine, a dozzine. Si ricordò che il peggio non era essere il primo… ma il secondo da sotto. Mentre Francesca si avvicinava, Gianni si sentì quello fuori dal mucchio, fuori dal coro… lontano, a guardare i montagnoni altrui e immaginare il peso che provavano lì sotto semplicemente soppesando la leggerezza che sentiva sul petto.

hqdefault-1

“Ciao!” e fu una frustata. Gianni la guardò stranita. Gianni si morse la lingua per non rispondere. “Ciao!” come se fosse stata una fucilata. Senza la faccia trita di chi ti guarda di sottecchi. Con la faccia mendica. “Ciao!” con una formula che vuol’essere cortese ignorando la violenza che ti fa, il peso che ti scarica addosso. L’immondizia che ti fa piovere in testa. “Ciao!” come fosse semplice ricostruire, perdonare, ingoiare.

18970732.jpg-r_640_600-b_1_D6D6D6-f_jpg-q_x-xxyxx

Gianni si sedette alla panca, poco fuori del bar dove Francesca era entrata. L’attese, giornale alla mano e la cura che ci fosse spazio a sufficienza per passare senza dover chiedere niente. E di nuovo, come un pugno in faccia e gli occhi di un cane bastonato, di nuovo “Ciao…” solo con una intonazione leggermente diversa. In tema con l’abito del viso. Bastonata. Ancora silenzio… e lo sguardo a quelle scarpe così alte, così di pelle, così cernierate, così tacchettate, così lontane da quella che era.

1405868855_17-bianca-600x335

Non c’era nessuna risposta possibile. Quelle scarpe erano bastate a dire che, no, quella non era Francesca. “Non si da confidenza agli estranei, non si saluta nemmeno, Giovannino”…

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Il problema della solitudine apparente dei muri vuoti

A parte che, voglio dire… voi non avete nemmeno idea di quanto sia splendidamente splendido un muro bello tutto vuoto, una parete soltanto tinteggiata, magari anche in modo volutamente sporco e ingrassato, perchè sia sensibile al tatto il pennello. A parte che non avete nemmeno idea di che piacere sublime sia arredare le stanze scegliendo solo l’essenziale, ma scegliendolo bene, tanto da trasformarlo nel protagonista di quella stanza, quello indiscusso… e quindi spendere anche 1500 per un pezzo… ma sapere che da solo fa 9/10 della stanza e quindi, non avrete bisogno di altre spese e probabilmente avrete in stanza un pezzo museale…
images

A parte tutte queste cose, voglio lasciarvi qui un pezzetto che ho scritto ieri, ispirato da vicende varie e particolari che mi hanno convinto che il pericolo più grande per un single che abbia scollinato l’horror vacui della parete grigia siano i single che questo scollinamento ancora non l’hanno fatto.

Eccovi serviti devoti stronzomerdoni!

Si ridestò di soprassalto, disteso in modo scomposto sul divano. La luce dell’alba irrompeva dalla persiana lasciata aperta. Sul tavolino basso, di fianco, un posacenere con troppe cicche, a seminare un tanfo incredibile. Valutò quello spettacolo da tre-e-mezzo, forse quattro-meno, se si fosse dato qualche attenuante generica come il sonno accumulato o le ore sempre troppo piccole per stargli cucite addosso. Si alzò; che ore erano? Appena le sei, fissando il fascio di luce led che si componeva sul soffitto della cucina. Avviò la macchina del caffè. Si chiese da quanto tempo era solo. Si rispose tanto, quel tanto che bastava ad apprezzare la parete spoglia di fronte alla postazione dove scriveva notte e giorno. Si disse che forse quella parete – che bella lo era anhce così, sola – sarebbe stata più seducente, gentile e preziosa, con il pezzo giusto da incorniciarci su. Si chiese quanto amasse quella parete, da arrivare ad identificarla con la sua stessa vita. Si disse che amava la sua vita, così, com’era… ma sapeva sarebbe riuscito ad amarla di più. Si disse che era solo da quel tanto che bastava a sapere che cercare un quadro, un disegno, una stampa, per quella parete non gli avrebbe tolto serenità, ma regalato quel brivido che tanti hanno il coraggio di chiamare felicità. Il caffè era pronto, forte, basso e bollente. Lo mandò giù di un fiato. Di là c’erano gli ultimi tre capitoli del romanzo da scrivere.

11195744-Minimal-Wall-elegante-dei-suoi-interni-con-cornice-decorativa-e-pavimento-in-legno-Archivio-Fotografico

Avete anche solo la vaga idea del pericolo che costituiscono quelli che non sanno cosa vogliono e percepiscono esclusivamente il bisogno di riempire quegli spazi… e portano a casa quadri e quadri e quadri senza sapere davvero quale appenderanno… e nel dubbio senza guardarli li appendono tutti… e poi guardano la parete e sentono l’ansia del pieno che non li rassicura ma li spaventa di più… e toglono uno, poi due, poi dieci, poi li cambiano… sempre coi quadri per terra, coi quadri sui divani, coi quadri su tavoli e sedie e non hai più spazio per te anche con la parete vuota? Avete idea? Behse una idea non ce l’avete, fidatevi… non provateci neppure! Loro stanno male, state male voi. Se siete single di sesso maschile, non corro rischi. Se siete single di sesso femminile, ovunque siate geograficamente posizionate, doveste avere anche solo un decimo dell’approccio alla vita da me su descrito: non avvicinatevi. Soffro io e soffrite voi!

DSC_5022

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Mustache, mustacchi, baffoni… altro accessorio…

Altro accessorio che riscuote successo. Io coi miei baffi c’ho sempre avuto un rapporto osceno. Non sono mai stato convinto del loro potenziale. Ho sempre desiderato quello che dalle mie parti si chiama il “mostazzo di ghisa” ossia il baffone alla Baffone, alla Giuseppe Stalin. Niente. Baffi poco folti, soprattutto molto radi al centro, hanno sempre reso praticamente impossibile ed irrealizzabile il sogno dello scopettone da tricheco sotto il naso.

C’è stato dunque il periodo in cui ho optato per educati baffi alla “Catturandi”, alla Maurizio Merli per intenderci, ma un pochino più educati… Mi sono stancato subito perchè poi dovevi raderti sul serio ogni due giorni e manutenerli in modo ossessivo per molto tempo.

vallanzasca_10-1

Sono dunque passato alla barba, ma la barba non m’è mai cresciuta come avrei sempre voluto, cioè alla Rasputin. A proposito, se qualcuno ha consigli su come impostare una barba alla Rasputin… che il mio barbiere mi guarda e continua a sostenere di non volermi aiutare perchè non mi starebbe bene in viso… si faccia avanti. Voglio la barba da inquisitore o da rasputin… anche dopo aver saputo che quel nervo allucinante in formaldeide è un falso storico ad uso e consumo di turisti pruriginosi ed apparteneva in realtà ad un ciuccio che io ho battezato Sputnik come mio zio prima di me battezzo Sputnik il suo asinello GOBBO. Volevo e voglio la barba alla rasputin perchè secondo me tira un sacco e fa molto autoriale in termini di autoproduzione di romanzetti di genere da vendere tipo harmony su ebook!

12596492_10208060722386383_1728101228_n

Passo dunque all’estremo ultimoentativo, questa volta riuscito. Ironia della sorte, dopo essermi tanto accapigliato contro di loro per mesi anni o soltanto settimane (per favore senza googlare indovina il cit e vinci un bacio in bocca a chi vuoi tu che darò io al posto tuo!) dopo essermi tanto accapigliato, niente… l’unico bel baffo autoriale che mi viene è quello da hipster, all’insù, incerato e non incerumato… e la differenza non è il rum ma il fatto di non mettersi il frutto del corpo addosso ma una roba della fructis che è più igienica e profumata e chi ti bacia non scappa. IL baffo all’insù mi sta, è facile da manutenere, tira e mi dona quell’espressione di faccia da culo che ogni buon autore all’inizio della fulgida carriera dovrebbe osare avere per affermarsi. Del resto Nietzsche non lo ha mai detto ma Morrison gliel’ha messo in bocca: Tutto in principio deve indossare maschere paurose per imprimersi nel cuore e nella coscienza delle genti! Io indosso occhiali e baffo.

Come-vestirsi-da-Hipster

Alcuni mi hanno detto che potrei fare la controfigura di Sergio della Banda Vallanzasca… ma Moritz mi sa che se la prende… comunque il look fa figo.- Mi sono dunque premurato di controllare che esista una apposita categoria porno per questa storia dei baffi, esattamente come per gli occhiali. No, signori miei, devo deludervi. Il mustache non esiste come categoria, nemmeno nella sottocategoria Freaks (ossia scherzi da baraccone, vuoi mai, donna baffuta… e invece no) nè tantomeno sotto la celeberrima WTF (cioè macheccazzo?! che assomma tutto lo schifo figlio della cacca della morte). L’unica citazione del moustache è in una particolare maniera di imbrattare visi, che disegnerebbe un baffo incanutito. La qual cosa, lungi dall’essere interessante, non crea nota alcuna sotto la vicenda. Posso solo dire senza tema di smentita che in una serie di video dimostrativi del moustache che ho visto, non v’è traccia del baffo hipster all’insù, quindi… sono assolutamente fuori della realtà!

12607276_10208060722786393_885986702_n

Con enorme stima mi liscio il baff0 e m’accommiato! Del resto, però, anche col baffo trichecoide… non posso negare di provare un narcisistico bisogno di guardarmi! Come spesso sostengo l’importante è rendersi davvero sul serio!

12366457_10207778174522863_5678331156885866009_n

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

 Benedetta la funzione “programma”…

Pessimi miei, mai sufficientemente vituperati, è con estrema e proverbiale cortesia che mi impegno a ricordarvi anche quest’anno che: “Non saranno un pugno di lenticchie, una zampa di porco fasciata con la guepierre argentata “collezione Levoni 2015″ ed una pezza da culo rossa a farmi dire che il prossimo sarà un Buon Anno!”.

Siate felici con distinta moderazione, grazie…

Contrassegnato da tag , , , , , ,

5di5: La tua casa è per sempre(?)…

Terminiamo la pubblicazione del set: “La tua casa è per sempre(?)…”. Gli ultimi tre scatti.
Per accompagnarvi suggerisco un adeguato sottofondo idoneo (cit.)
[youtbe=https://www.youtube.com/watch?v=MysLknjxlRY]

22 Dicembre 2015, esterno ed interno giorno. Modugno, provincia di Bari… Showroom Aiazzone, abbandonato dal 2005.

15 - Loft on the edge of the night

Questo è uno scatto fortemente contrastato… per una serie di motivi. Era stato scattato in maniera corretta ma ho preferito renderne molto più forti le luci, lasciando inalterato quel cerchio di sole che si creava. Volevo che i dettagli della poltrona rispendessero, volevo fosse leggibile in tutta la sua ironia il panorama. Un divano, un posacenere, un quadro ormai vuoto in terra e la luce che invade gli spazi, come in quei loft superlusso di Manhattan, quelli dei film. Relax ed annipotenza gratis, per qualche minuto.

16 - The accurancy of x ever.jpg

Delle parole e dei supporti che le sostengono, a volte, si può decidere di fare un uso assolutamente creativo. Chi ha abitato o frequentato quei luoghi, chi ci ha scherzato con quegli spazi, ha deciso che quelle buste e quella carta potevano diventare igienici. E le parole si sono sporcate, ritornando ad avere, almeno lì ed ora, un senso più accettabile, meno inopportuno… quasi ironico. Ho deciso di averle e ho deciso di essere impietoso con uno scatto che poteva sistemarsi in poco. L’ho lasciato così, senza apparenti contrasti. Dimesso.Eppure, doveva essere lì. Per protestare un utilizzo più corretto di quelle parole che sono state il filo conduttore di questo viaggio. “Per Sempre”.

17 - Hope to see you soon back!.jpg

Arrivederci, grazie della visita e speriamo di rincontrarvi presto!

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

4di5: La tua casa è per sempre(?)…

Prosegue la pubblicazione del set: “La tua casa è per sempre(?)…”. Quattro scatti, oggi che è Santo Stefano.
Per accompagnarvi suggerisco un adeguato sottofondo idoneo (cit.)
[youtbe=https://www.youtube.com/watch?v=MysLknjxlRY]

22 Dicembre 2015, esterno ed interno giorno. Modugno, provincia di Bari… Showroom Aiazzone, abbandonato dal 2005.

11 - Relax room.jpg

Ultimo degli shock esplosivi che mi sono regalato. Tra la camera da letto e la cucina, la sala da pranzo salotto di quella curiosa abitazione. Una sedia e pochi altri dettagli che vedrete dopo mi hanno regalato una tristezza più forte del letto e del fornello: era una situazione così quotidiana e così comune, nella surrealtà di quegli spazi e di questi tempi, che strideva incredibilmente. Urlava, pur rimanendo quieta ed immobile. Di questo angolo ho scattato molte esplosioni. Era come se davvero non riuscissi a crederci fino in fondo…

12 - Forniture.jpg

Gli spazi dentro questo enorme showroom sono scanditi dalle vetrate rotte, i passi accompagnati dallo scricchiolio dei cristalli sfondati. Caduti indietro e rimasti lì, morti. In questa foto potete contarne cinque, quante erano le cornici rimaste in piedi. Mi piaceva la texture che nascondeva nella ragnatela scoppiata, la parola “Sempre” ora sfondata da un colpo al centro del vetro e quella “arredamenti” parzialmente coperta ma meglio leggibile. Le parole vuote dovrebbero fare questa fine… arrese alla inopportunità di esse stesse. Imbarazzate per il cattivo gusto.

13 - Pretended life.jpg

Ecco lo spazio sconcertante di cui vi parlavo: Sigarette, una scatola di biscotti al burro danesi da posacenere – decoro in quel luogo ributtante – un contenitore in legno ed un portagioie… vuoto. A parte la detestabile banalità di quell’ossimoro, quel che sconvolge è quel posacenere, usato. Quale senso abbia accamparsi in mezzo all’immondizia e decidere di aver bisogno di un posacenere io ancora non lo so. Ma credo di intuire si tratti dell’estremo bisogno di annaffiare la piantina di un sogno oltre ogni ragionevole dubbio. Probabilmente nessuno degli abitanti di quella “casa” conosceva l’italiano… avrebbe trascorso le proprie giornate a cancellare alcune frasi ormai davvero oltre il reale.

14 - Home sweet home

Riecco le parole vuote ed inutili, riecco il senso di abbandono, di nulla. Le finestre sono occhi ciechi, le porte voragini sul nulla. La luce stessa si ritrae quasi impaurita. Quel nero che domina la foto l’ho voluto conservare… stride con enorme sincerità contro il volto illuminato di quel tramezzo in cartongesso. Abbracciando il vuoto lasciato dai caratteri, coccolandolo ma rifiutandosi di divorarlo, perchè resti e si faccia leggere in tutta la sua debolezza.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non ci sono guardrail buoni, non ci sono campagne antiabbandono. Tutto questo è metro della nostra (in)civiltà!

Non che la mancanza di una associazione in difesa dei moscerini che finiscono spiaccicati sui parabrezza sia per caso più trascurabile. O che si possa tacere sulla latitanza di una ONG che prenda a cuore la diffusione di una corretta informazione sulla contraccezione canina. Eppure, l’assenza di una seria e cordiale campagna di sensibilizzazione contro il maltrattamento e l’abbandono degli orsi di pezza la dice lunga sulla nostra assoluta impreparazione in campo di toy-friendship.

medium_1623402339-640x477.jpg

Certo, una oculata campagna di sensibilizzazione! Non le cazzate di Rocco Siffredi di cui parleremo un giorno. Da quando ha urlato in grassetto maiuscolo “Se l’abbandoni t’inculo!” è schizzato (val la pena usare i verbi giusti) in su (anche le preposizioni semplici, ma parlanti e con tanta dignità) il tasso di abbandoni tra i cani padronali intestati alle Signore. E a tanti M (dico emme) fedifraghi che purtroppo risultano single controvoglia, imbrigliati più che in una relazione finalmente benedetta dal crisma della legislatività, nelle maglie di una burocrazia bacchettona, bigottista e farraginosa.

Matrimonio-gay.jpg

Problemi non da poco, le anali insoddisfazioni delle migliaia di casalinghe di Voghera che poi t’abbandonano il cane chippato sperando che arrivi il Siffredi a freddarle d’erotico bollore (che chiasmi vi schianto per(biondod)dio!… sì ve li schianto ed avrei voglia di non metterci la parentesi subito dopo questo pensiero… che è proprio lì, dove dico dopo la parentesi, che ve li schianto…) proprio lì dove non batte il sole! Problemi non da poco, se si guarda all’impossibilità non già di fare all’amore in ogni guisa o forma d’omosessuale gradimento, ma di sposarsi castamente o impudicamente in un qualsiasi angolo del nostro “purtroppo troppo” benedetto stivale. Maledett*!

Campagna-contro-labbandono-dei-cani-Rocco-Siffredi.jpg

Problemi non da poco… ma per cortesia non taciamo sull’assenza di una associazione nazionale che si occupi di sensibilizzare sul tema dell’abbandono degli orsi di pezza. O si occupi di perseguire con pervicaci campagne stampa ogni abuso o maltrattamento sugli orsi di pezza. E si occupi vieppiù di bacchettare me, inecologico linguistico, che non conosco il concetto di interspecificità e con la scusa di una efficace metonimia, riduco all’orso di pezza e sembro circoscrivere ai soli orsi di pezza la enorme famiglia dei viventi che abitano gli animali di pezza, tutti. Pure i bruchimela di pezza, con le mele bacate di pezza ma a forma di dignitosissimi cuori a seguito.

peluche-copy.jpg
E’ lì la grandezza di un popolo.
Non basta interrogarsi su quanto sia insopportabile l’assenza di una differenziata per neonati in ogni luogo in cui ci possano essere neonati. Elio aveva ragione, ma negli anni ’80 non conoscevamo ancora il concetto di toy-friendship. Per dire: nessuno si lamentava se ti si smerdavano le suole di merda di cane. I cani li accalappiava l’accalappiacani con il cappio (non l’accalappio, il cappio!). Di solito li vendeva. Se il comune non aveva soldi, il civile accalappiacani non optava per soluzioni lager. Li abbatteva! La civiltà, dopo vent’anni è a misura di peloso, squamoso, pennuto. Non ancora di bambino, ezianbiondoddio! E purtroppo, ancor meno di animale di pezza! Eziangesummaria!

Noi siamo incivili!

20100127224856.jpg

E allora dovrebbe nascere un “Chi l’ha visto?” che ci narri quelle tristi vicende, provi a ricostruire i terribili ultimi momenti, l’attimo in cui con finta, insopportabile dolcezza, il mai latrante animaletto di pezza è stato raccolto dalla mensola, dal letto, dal divanetto. Innocente. Ignaro – è questa la cosa più insopportabile! Strappato agli amici, agli affetti più cari proprio da quelle mani che giorni, mesi, anni o soltanto settimane (cit.) prima l’avevano coccolato, vezzeggiato, fatto sentire finalmente a casa e non tra polverosi scaffali. L’avevano scelto, uno tra mille paia d’occhi speranzosi: “Scegli me! Scegli me!”… come facevano gli orfanelli al passaggio delle Madame, come i cani dei rifugi quando entra qualche anima bella. L’avevano scelto tra tanti in fila, appesi come prosciutti nel baraccone delle giostre che sa sempre di sottomarca di Peroni. E subito l’avevano stretto forte. Subito gli avevano dato un nome. Mai dare un nome se non sai che sarà per sempre! Eccolo, ora: preso e portato via. “Andiamo a fare un giretto!”. E lui lì, dolce e felicissimo. Ancora una volta, tra i tanti in casa, proprio lui. “Sì, me lo dici sempre… sono il più bello! Ecco perchè mi vuoi con te! Per sempre, vero? Sì, te lo leggo negli occhi (cit.) è per sempre!”. Poi è un attimo. Solo un attimo. Per i pelosi di pelo c’è la dignità del guard rail. Una vigliaccheria che lascia una speranza. No… per gli animali di pezza non ci sono guardrail. Il freddo cieco ed asfissiante di un sacchetto di plastica. Ed il cassonetto. Indifferenziato anche per loro. Sì, ma ancora, triste e atroce destino. Immotivata crudeltà. Al neonato restano sempre le corde vocali per gridare più forte. Per il muto amichetto di pezza, il drammatico e claustrofobico avvicinarsi della tritarifiuti. Se va meglio, il compattatore!

resizer.jpg

Non c’è una Sciarelli a dirmi che fine abbia fatto Piccolopoldopallo. L’avevo chiamato così. Io. E me ne dolgo, non avrei dovuto dargli un nome. Forse dopodomani vi racconterò la sua storia. Forse tacerò dilaniato dal dolore. E dal senso di colpa. L’avete visto? Qualcuno ha visto Piccolopoldopallo? Era dolcissimo, non vi potete sbagliare! Ha una sciarpina attorno al collo, con un cuore cucito sopra. Aaveva sempre un po’ freddo, come me che c’ho sempre bisogno degli scaldacollo. Aveva ancora al collo la targetta… pure quella a forma di cuore. Sopra grande grande ci sta scritto Love. Gliel’avevo lasciata, solita Cassandra Inascoltata, temendo e sperando assieme sarebbe valsa a farlo riconoscere. Ma non ho scritto il mio numero di telefonino. E nemeno il suo nome: Piccolopoldopallo!  “Nemo Credidit, sed Sensi”: nessuno credette… ma io, dentro, sentii… ed il sensi ce l’ho aggiunto io che mi scopro latinista ogni tanto.

o-SCIARELLI-facebook.jpg

Non abbiamo un “Chi l’ha visto? Animali di pezza”. Negli States la civiltà fa nascere un “Extreme makeover” per ogni categoria umana e merceologica. Siamo barbari, noi! C’è tanta strada da fare e tanto da imparare. Ne riparliamo domani, dando un senso a un post-santostefano che sarà come al solito un giorno uguale a tutti gli altri. Perchè non ci sta solo chi abbandona… c’è anche chi sevizia!
Oggi, coi regali che si avvicinano, in assenza di un’associazione che abbia il coraggio di dirlo, lo ulro io:”Non è un giocattolo: se non sei sicuro che sarà amato per sempre, non regalarlo!”

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3di5: La tua casa è per sempre(?)…

Prosegue la pubblicazione del set: “La tua casa è per sempre(?)…”. Tre scatti, oggi che è Natale.
Per accompagnarvi suggerisco un adeguato sottofondo idoneo (cit.)
[youtbe=https://www.youtube.com/watch?v=MysLknjxlRY]

22 Dicembre 2015, esterno ed interno giorno. Modugno, provincia di Bari… Showroom Aiazzone, abbandonato dal 2005.

08 - Dreams to come true?

Come fosse il Cinematografo, come fossimo di fronte ad una Time Square in forex o capafix, istantanee di una vita possibile, polaroid di un sogno promesso occhieggiano in quello che doveva essere uno degli ingressi dello showroom. Così, per tenerci buoni il nostro ottimismo, stretto stretto e prepararci a continuare a sognare. Per poi uscire felici, ancora con quel sogno ben custodito nelle tasche del cuore. Cosa resti di quel sogno, ce lo lasciano intendere i mucchi di detrti, calcinacci, cartongessi umidi ammassati con cura su un pavimento troppo, troppo polveroso.
Sogni che diventeranno realtà?

09 - By yourself.jpg

Come fosse un piccolo totem questa cucina si erge orgogliosa nel sudiciume. Quando mobili, prodigi della tecnica e sogni si sgretolano, solo il manuale delle giovani marmotte e un piccolo corso di sopravvivenza possono insegnarci a scaldare acqua e cibo tra quattro mattoni. “Do it by yourself”… provvedi a te stesso, cucina da solo. Sopravvivi. Finchè c’è qualcosa da bruciare e qualcosa da condividere, la speranza rimane!

10 - And that's for ever....jpg

Quelle che vedete sono buste. Con sopra il nome della collezione, l’ultima esposta in quel magazzino, targata Aiazzone. Quello showroom non fu per sempre. Quelle parole suonano di pessimo gusto. Incorniciate così dalle ombre, poi, mi ricordavano un vecchio adagio rubato a de Gregori: “Sempre e per sempre… dalla stessa parte mi troverai!”. Le promesse sono fatte di parole, a volte, se manifestano la stessa fallacità. Le parole e le promesse dovrebbero avere sensi di responsabilità molto più granitici della carta delle buste. Viene da chiedersi se il significato proprio di quelle parole descriva qualcosa che poi, infondo, esiste davvero… appartiene davvero a noi umani, che per intrinseca definizione, “per sempre” non lo siamo affatto.

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,