Archivi tag: albero

1.11 The Concrete

Non so perchè ma nei luoghi abbandonati c’è sempre un albero di fico che mi spaventa con le sue maglie e voglio fotografare!

Queste sono foto scattate in un cementificio abbandonato.
Nikon d5000 – No photoshop se si esclude la cornice.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

L’Immacolata è una domenica a geometria variabile

Sì, l’Immacolata cioè l’8 di dicembre cioè oggi che leggete è una domenica a geometria variabile.
E se è ina domenica a geometria variabile vi dovreste aspettare un tedio domenicale a geomentri variabile… ed a droga varbile da consumare. Ed è così. E la droga odierna è la somma delle parole che ti ripeti ogni secondo dal 4 di dicembre: “E’ Natale, non è che dovresti comprare qualche cazzo di decorazione e fare l’alberello?”

Sono quattro giorni che mi ripeto. Perchè non mi metterebbe allegria, mi caricherebbe una sensazione di impareggiabile malinconia di quelle non tanto belle e tenere tipo Melancholy Hill… ma di quelle dense e grige tipo “nebbiainvalpadana”.

natale_in_casa_cupiello

A ben guardare io un albero di natale nonalbero ce l’ho in casa: è un angolino del salone della casa dove vivo: un angolino della libreria dove tipo da quasi un anno c’è un pacco con dentro credo dei pushup per culo, ossia dei leggins di quelli modellanti che non so di quale cugina sia. Ma sta qua dall’anno scorso che lo caricarono nella mia macchina e io onestamente non so di chi fosse, delle mie cugine. Sta ancora là… è un buon angolino per metterci sotto i regali non so per chi.

No, questa non la sento come casa mia… io appoggiato, appoggiato divinamente, ma sempre appoggiato qui, che casa mia la sto finendo. E non ci sono donne in questo momento nella mia vita. E non ci sono quindi cose che sembrino una famiglia. Ed anche se sono completamente fuori da una serie di certe faccende… mi sono detto che Natale è sempre stata una cosa che negli ultimi anni io vivevo come il momento più bello del mondo. Onestamente ci sto lavorando su rapporti nuovi e diversi ma non ci sono rapporti per qualcosa che sia diverso da pensierini. Io mi costringerò a rivivere il Natale (perchè mi sta sul cazzo il natale) con una certa felicità come facevo prima solo quando ce ne sarà strettamente voglia e necessità… per ora no!

eduardo-il-presepe

Quindi tedio domenicale a geometria variabile e niebero da fare. Ah sì, nemmeno presepi… che saranno pure una cosa sacra ma… con l’enteroclisma da dietro?! Boh, non lo so.

Gesummaria, Bonndoddio e Darth Vader, per favore, vi prego forte forte… ma proprio forte forte.. fate che quello che tanti dicono non si avveri… fate che qualcuno non provi una impellente necessità di contattarmi… finirei per essere villano e poi Babbonatale e la Befana non mi portano la fighetta nemmeno quest’anno!

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,