Archivi tag: Biondoddio

Biondoddio con quella che ci farei 2.5

E siamo arrivati alla fine… ed ora c’è lei. Che si pomicia i rottweiler nei film schock e tutti lì a dire:”Ma guarda che quella s’è pomiciata un molossoide labropendente tecnicamente molto sbavante!”. Ed io mi dico Karashò! Cazzo se fa sangue… tanto voglio dire, da allora la bocca se la sarà lavata.

0_3d161_a1190e79_L

Io per lei c’ho una fissa da quando non sapevo nemmeno che era figlia d’arte, in una delle sue recitazioni più belle e acerbe di sempre: Palombella rossa. Quant’era bella in Palombella rossa, con le scarpe di tela, le converse… e Moretti padre comunista che ti attacca un pippone sulle converse che mi ricorda mia madre quando non voleva comprarle e diceva: “Che devi andare facendo con le scarpe di tela…” e mio padre credendo fosse come al solito pedagogico usare parole altrui autoriali mi fece ascoltare “El purtav e scarpe tennis…” di Jannacci – quanto mi manca Enzo! Sì, lì recita proprio lei, Asia Argento!

372162e722c3b1f5cb45379310dc921a

Poi la ritrovai, ma non tanto in Opera, che faceva cacare… quanto ne “La sindrome di Stendhal” che a me piacque un sacco e a mio parere come film non fu capito. Mi piaceva quel fascino conturbante, quel fascino torbido. Già si diceva in giro un sacco di maldicenze: drogata, sballata, schizzata, tossica. Fanculo!

28916208e63dd7a0c503dc1b0739700d-2

L’arte se la mangiano e la sputano un po tutti i provinciali ed i perbenisti, i moralisti che non vogliono essere scandalizzati. Ok, lei magari tanto normale non sembrerà… lo sappiamo tutti… ma c’era questa splendida modella molto molto truccata e molto molto sexy che camminava nel video di This Picture dei placebo… e mi sono sempre entusiasmato sessualmente per quel film, per la definizione di ashtray girl, ragazza portacenere… basta basta doveva essere mia… dovevo dirlo che Biondoddio…

dd99884cdd971af2d176f5855505893b

Invece sono cortese ed educato… e continuo ad andare al Mavu a sentirla quando capita a mettere dischi. La saluto da lontano, le rubo un bacino bacetto e sto buono buono… lei lo sa che sto buono buono… e il bacino non me lo nega mai. E ci vado e ci andrò mille e mille altre volte al Mavu a sentirla suonare. E se mi chiedesse chiudiamoci lì lo farei mille e mille volte, come la leggenda metropolitana che lo fece davvero col cantante dei Placebo di chiudersi a Capri in un albergo. Io lo farei… ma butterei via la chiave. Per sempre!

973c6b1ed35c78172bde472f1d2ad6a9

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Il divo Riccardo Schicchi

Dopo aver chiarito chi sono, nella personalissima Teogonia, personaggi come gli importantissimi Biondoddio e Gesummaria… (Biondoddio è il salvifico delle fighe che conosci bellissime e ti vuoi fare, Gesummaria è tipo la divinità cui rivolgerti se hai perso le chiavi o hai da spicciare problemi veniali in casa.. una sintesi di lari e penati, un pupazzetto buono del focolare domestico) Dopo avervi ricordato che l’angelo custode è Darth Vader (lui veglia sui tuoi sonni e sogni e se qualcuno vuole farti del male se la deve vedere con lui)… dopo avervi chiarito che Hannibal Lecter è una sorta di cherubino che suggerisce modi e tempi dell’agir a seconda del risultato atteso… Ricordandovi che Nikola Tesla è quella divinità che sovrintende ai processi creativi tipo una pizia, un oracolo o qualche altro tossicodipendente creativo così…

… Riccardo Schicchi è, invece, il divo che si occupa di condurre in porto i primi appuntamenti ed i percorsi amorosi con persone normali. Sovrintende inoltre alla fase di selezione delle candidate a divenire tue compagne più o meno stabili in un percorso di vita dalla durata variabile tipo da una settimana a un sacco di decenni (a seconda del tuo stato di conservazione) e suggerisce i test da effettuare e le skill da verificare della candidata. Il santino di riferimento, da custodire gelosamente in duplice copia, una nel portafogli una infrattata nel luogo dove massimamente avvengono le prime copule, lo ritrae sorridente, giulivo, seduto su un divano nero in finta pelle.

Non dimenticate mai di rivolgere a Riccardo Schicchi una preghiera, prima di scegliere se accettare o meno un primo appuntamento. Pare porti anche molto bene rivolgergli un pensiero sincero mentre ci si profuma, prima di uscire e recarsi in un luogo dove è possibile fare nuovi incontri. Pare le sue manifestazioni siano accompagnate da dispercezioni olfattive definite dai fedeli: Un lezzo comunque inebriante: un po’ patatine puff al formaggio, un po’ calzini bianchi di spugna sudati.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Ve lo ricordate quanto lo odiavo, vero…

Perchè il problema è che sono sicuro che presto, molto presto, anche quell’altro salirà sul carro del bisogno di utilizzare il grande potere della Forza che sta per abbattersi svegliandosi sulle nostre teste…

Sì sembra un delirio premestruale (magari averlo… mi avrebbero portato la benedetta fichetta che aspetto da qualcosa come 20 letterine di babbo natale) invece no, sono le conseguenze dell’insopportabile utilizzo di “Imperial March” di Star Wars da parte della TIM e soprattutto l’oscena mascherata di Pif da jedi, precisamente da Obi Wan Kenobi…

pif-la-mafia-uccide-solo-di-estate-nuovo-film-343x216.jpg

… mentre un idiota maneggia un neon come fosse una spada laser e lui pontifica di forza. Perchè in questi momenti Darth Vader non si appalesa e gli strappa dal petto il cuore o lo strozza con la sola forza del pensiero?
“Ma come Domenico?” (fate la voce preoccupata e intimorita…)

“L’ho detto, con la sla forza del pensiero… se sei Darth Vader puoi!”

E invece no, ci sta questo idiota seduto che parla della forza bestemmiando e dicendo che è la forza della connessione delle reti tim (che per inciso nel posto dove vivo, cioè Giovinazzo, vede collocato il famoso 0,3% del territorio nazionale non coperto). Perchè comunque la forza è una roba divina e non ci si parla così della Forza.

fabio-volo-vuole-radere-la-sua-pagina-faceboo-L-Az9ilf.jpg

Pif… perchè nonè ancora morto? Io prego ogni giorno il bambingesù perchè lui muoia… e questa è la dimostrazione che bambingesù non esiste… è solo il nome di un ospedale e non di un Dio a cui tu volgi richieste serie e importanti perchè lui le esaudisca.
Devo ricordare di rivolgere le mie preoccupate e speranzose richieste sulla morte di Fabio Volo e di Piff a Biondoddio o meglio ancora ad Hannibal Lecter e Darth Vader… loro si che capiranno che Fabio Volo e Piff non mi hanno fatto nulla ma io li odio… e spero muoiano subito!

sw2.jpg

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Biondoddio con quella che ci farei! Stagione 2. 1 di 5

E lei è bellissima. Non c’è che dire. Non sono i tatuaggi a renderla bellissima. Non solo.
Non è l’acconciatura molto alternative-underground con la rasatura su un lato e tutti i fluent hair dall’altro a renderla divina. Non solo. E nemmeno a ben guardare quegli occhi da cerbiatta e quella boccuccia di fiorellino appena sbocciato.

No!

BvLlJ_UCIAMceBr

Non è per questo che Rachael Madori entra a buon e giusto diritto nel novero delle Biondoddio con quella che ci farei. La verità è che – a differenza di Tory Lane che io comunque alla fine non tradirò mai e poi mai ma proprio mai… – Rachael Madori è la secondogenita del Diavolo e proprio per questo ha un fascino subliminale tutto diverso e tutto molto più complesso.
Di Tory Lane lo sai dal primo sguardo che è davvero la quintessenza della merda fatta persona e pornodiva. Di Tory Lane sai che ha già impegnato ogni parte impegnabile del suo corpo. Di Tory Lane sai che: “Ho di fronte l’essere satanicamente più degradante e degradato in fatto di sesso qualitativo e quantitativo” (dove qualitativo è il coefficente che valuta il numero di acrobazie e “numeri” compiuti e il quantitativo valuta la durata del tutto…). Di Rachael Madori non lo diresti.

Rachael Madori l’hanno tirata fuori dal cilindro del porno da poco tempo. Non sono molti i suoi video professionali e mainstream in circolazione. Solo Naughtyamerica ha scommesso su di lei affidandole però sempre la parte della “border age fuck”. Piccola spiegazione: la border age fuck è la ragazza non più post-adolescente ma nemmeno mamma o moglie. Una terra di mezzo che offre milioni di spunti: da quello ginnico a quello della figlioletta viziatissima a quello della fidanzatina arrapata o timida e curiosa. Ecco.. sostanzialmente identiche, come parti, a quelle di Tory Lane.

Nel confronto, proprio qui scatta il bello: qui scattano le differenze che mi hanno letteralmente mandato in off.
Sì, ok, lo riconosco… la cresta o comunque l’acconciatura eccentrica ed un certo gusto per i tattoo non volgari hanno di molto aiutato. Rispetto alla Tory nostra nazionale (come Silvietto…) che dall’inizio del video alla fine si presenta a te con una volgarità anche verbale che ti fa impallidire… Rachael ha un volto ed un viso ed una postura ed un atteggiamento verbale e non molto molto più remissivo. Rachael, a differenza di Tory, non arriva dicendovi “Ciao sono Tory Lane e oggi vedrete come si riempie davvero una tacchinella come me… sfruttando ogni foro d’entrata…” per poi chiamare a raccolta dai diciotto ai ventisei nerboluti bestioni che tra urla di giubilo, schiamazzi e bestemmioni apocalittici non ancora riconosciuti al seggio da Bergoglio, si infilano nella faccenda Tory con brutalità e senza alcun ritegno. No!

Mc2LR7Q__400x400

Rachael è la tipa che confessa candidamente al fidanzato, facendolo letteralmente esplodere di gioia, che dopo alcuni sondaggi ed esperimenti condotti in gran segreto sta sinceramente e seriamente valutando la possibilità di provare con lui le gioie del secondo canale. Rachael è quella che maliziosamente offre le sue grazie al patrigno perchè lui convinca sua madre e regalarle la superpiscina per i suoi party ma… “Please you have to be very gentle ‘cause I’m so inadequate…”. Sebbene poi ti accorgi che inadequate non lo è per nulla.

Rachael è di questi tempi la tipina che tu porti con te a prendere una birra fuori dai locali più giovani e tranquilli del mondo, quelli finti dimessi che sono tanto trendy, quelli musicali e scoppiettanti. E nessuno lì dice: “Guarda c’è il Mortellaro con quel puttanazzo della Madori…”. Perchè nessuno lo direbbe mai che la Madori è un pornazzo che si muove. La Madori non si presenta col tacco sedici sul plateau 10 e con la mini inguinale e con le zinne tutte de’ fori… No! Rachael non è una ragazzaccia. Rachael non è una gallinaccia che si lascia esibire. Rachael fa schifo a letto quanto la Lane… ma non te ne accorgi. “La più grande beffa che il Diavolo abbia mai fatto al mondo è stata quella di convincere tutti che non esiste…” (cit.)… perchè lì fuori del bar c’ha i jeans quelli strappettati qua e là, lo stivaletto con un tacco discreto di quelli che si portano ora, col calzinetto di tolleranza stile fantasmino… ha un top sportivo che sa essere elegante e un giubbetto di pelle. C’ha i capelli da un lato, raccolti. Come potrebbe portare un caschetto con una rasatura alta. Non è tanto truccata e non beve cocktail complicati ma una IPA. E se il cameriere la guarda… lei abbassa lo sguardo maliziosa, lei stringe la mano a te. Poi magari a letto ti racconta di quello che gli avrebbe fatto a quel cameriere… magari dopo averlo fatto a te. Ma lo fa sempre con candore, grazia ed eleganza.

3544

Che Rachael Madori mi piaccia perchè sono in una fase che “mi piace tanto se continui a prendermi per il culo!”? Boh, forse sì. Sta di fatto che Rachael Madori tu a casa la porteresti, altro che Tory Lane. Rachae Madori è la pornostar che non ti aspetti. Rachael Madori è quella che aiuterebbe tua madre a mettere tavola. E tua madre… e tua nonna… “Sì, che brava ‘sta ragazza… sì, i capelli… sì i tatuaggi… sì quei pantaloni, ma… non la vedi la televisione… tutte così!”.

“La più grande beffa che il Diavolo abbia mai fatto al mondo è stata quella di convincere tutti che non esiste…” (cit.)
E tutto ad un tratto lei… puff… sparisce. Di nuovo.

Ed è mattina e tu hai fatto il fioretto “Basta porno finchè non torni intorno…”… e però ti manca, tanto, la Madori tua e solo tua.

B9LWvuZCUAA59qN

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

Biondoddio con quella che ci farei! Che poi è come dire, più o meno, le cinque donne della mia vita… tenendo ovviamente a debita distanza la mamma, la nonna e la zia! E pure il mio cane, che è femmina! (4/5 così spacchettato le idee si esauriscono meno velocemente…)

Veniamo ad una delle passioni nascoste… ma non di quelle per cui in qualche modo ci si debba vergognare.
Di Helena Bonham Carter nessuno potrebbe mai nemmeno lontanamente pensare di vergognarsi.
Non è tecnicamente quel che si direbbe una bella donna… ma ha fascino, carisma, ha una magneticità che decisamente va oltre ogni preocncetto, ogni riga, ogni cosa che potresti aspettarti.

fight-club-helena-bonham-carter-foto-dal-film-5_mid

Ed è poliedrica e polimorfica… oggi rieace a non essere mai uguale a quel che era ieri. E’ il piccolo dolcissimo mistero delle persone magnetiche ed affascinanti. Ti mettono addosso curiosità, ti mettono addosso voglia di scoprire, voglia di dividere il tempo e lo spazio assieme per magnificarti ancora una volta del nuovo cambiamento.

Però, a pensarci bene, non è nemmeno tecnicamente ad Helena Bonham Carter che io e proprio sento di dover dichiarare questo Biondoddio. No, tecnicamente no! Ad essere precisissimi questo Biondoddio e tutto il resto è tutto concentrato a dirigersi verso una delle incarnazioni di Helena Bonham Carter, forse nemmeno la meglio riuscita… ma sicuramente la più eccessiva ed inaspettata.

In effetti questo Biondoddio è solo e soltanto per Marla Singer, che per sbaglio ha il viso di Helena Bonham Carter… ma non è mica detto che sia la stessa persona. Per dire: Marla Singer non è la moglie di Tim Burton. Siamo d’accordo… io non sono Ed Norton… e non sono nè potrei essere Brad Pitt… Non sono un anonimo perito assicurativo e non sono Tyler Durden… sono “sicuramente un comunista ma non una pronostar”(cit.)… ma ecco, cerchiamo di essere precisi: Helena Bonham Carter non è Marla Singer… ed a me Marla Singer piace.

Helena-Bonham-Carter-in-Big-Fish-helena-bonham-carter-19962981-1360-768
Spieghiamoci meglio: io con la signora Bucket de “La fabbrica del cioccolato” non ci uscirei… credo sarebbe lei a dirmi di no… c’ha tanto da fare ed io non sono poi quel porco che si crede per cui se una è mamma una è milf e se una è milf… NO! Non con le mamme dei film di Tim Burton almeno. Con la compagna di Sweeny Todd per ovvie ragioni col cazzo ci andrei… Nè con la Regina di Alice in Wonderland o con la Dottoressa Julia Hoffman di Dark Shadows.

016_helena_bonhman_carter_tim_burton_theredlistNon chiedetemi nemmeno giudizi sul suo ruolo in Planet of The Apes… No, No e No!

Big-Fish-Helena-Bonham-Carter

Da ora in poi non leggete più se dovete ancora vedere il film Fight Club… perchè questo è anche un Biondoddio sul film che avrei davvero voluto e rivoluto girare ma che… no, niente… quindi capiterà uno spoilerone grosso come una casa… voi mettete solo mi piace sotto e fidatevi.
A andate a vedere il film!

Io voglio Marla Singer… lei e solo lei.
Perchè “in un momento molto strano della mia vita” come quello che sto attraversando… vorrei tenerla per mano mentre tutto intorno esplode, mentre ho minato tutto… e dirle semplicemente che “Fidati… Andrà tutto bene!”… Perchè non dovrei essere geloso di nulla… perchè infondo Marla non è mica la zoccolona che per tutto il film siamo convinti di avere davanti… eh no… per niente. Alla fine sei solo tu che sei schizzato e vedi il mondo a cazzo…
… ma non è per questo che ti parte la testa per Marla Singer…

Fight-Club_Helena-Bonham-Carter-hat-front-CU_cap
La testa per Marla Singer ti parte perchè non lo sai nemmeno tu, ma ti volti e constati semplicemente che una donna così, da nessun’altra parte del mondo. E mai!

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,
Annunci