Archivi tag: iPhoneography

Come un film…

Ed era bello scattare di nascosto con l’Iphone, aspettare il momento esatto, incorniciare quelle figure inconsapevoli e scattare. Come fossero ombre, personaggi misteriosi in porte complesse. Mi hanno sempre detto e dato tanto questi scatti… anche se, voglio dire, non è fotografia ma iPhoneografia…

IMG_2455.jpgIMG_2512 (1).jpg

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Ultimo tango…

Questo set fu ispirato dalla visione del film capolavoro di Bertolucci. Volevo qualcosa che parlassi di incomunicabilità pur rimanendo seducente, carnale. Le foto di quel set forse le posterò… questo è il backstage iPhoneographic ossia di iPhoneografia – arte del fare scatti ed elaborarli a proprio gusto con un iPhone. C’è anche un backstage lomografico che un giorno posterò.

Le modelle sono Miriam che conoscete e Serena, che forse conoscerete!
Spero vi piaccia.

iPhone4 nativo e app varie.

IMG_4081 (1)

IMG_4028 (1)

IMG_4029 (1)

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

E ogni tanto un autopippone autocelebrativo del tipo quanto sono bravo ci sta.

Beh sì qui la preview di uno dei miei ultimi lavori estemporanei e annoiati che si chiama “Solo sangue dentro” e si ispira al pezzo degli Afterhours “Il sangue di Giuda” quando suonavano molto ’80. E questa canzone significa molto… moltissimo in un momento come questo… ma ancor di più significa quella foto, che è stata la prima e poi non ho smesso di scattare finchè non ne ho avute sei che mi piacessero… che dicessero tanto di me partendo da pezzi di pelle, pezzi di corpo, pezzi di pezzi pieni di sangue dentro e non magia.
… perchè vuol dire che ho preso il gusto di ricominciare, che non solo “Fate quel che dico…” ma a questo punto anche “Fate quel che faccio” visto che ho spolverato una cosa vecchia che mi piace fare e non facevo da tempo.

12205050_10207560888850857_2124606765_n

E niente dentro davvero c’è solo sangue e non magia… Quando sai che sei fedele a quello in cui non credi più…

E stasera, ma voi non sapete quand’è stasera… cioè lo può sapere solo qualcuno… c’è una persona che voglio vedere, che mi ha visto ieri e voglio vedere, di nuovo. E con tutto quel sangue che c’è solo sangue dentro e non magia… brindo agli innamoramenti ogni 13′ netti…

Statemi bene!

Iphoneografia/lomografia scattata con Hipstamatic.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

E siccome non posso pretendere che solo perchè per alcuni è pasqua mi resuscitino non tanto le parole quanto il loro fluently nello scorrere: ancora una immagine e qualche riflessione

IMG_0117

E niente, oggi recupero uno scatto vechissimo, con molta dignità, al quale sono davvero profondamente affezionato. Pochi possono sapere che io ho avuto per un anno intero un progetto di una banalità estrema: il 365 iphoneography. 1 foto al giorno fatta con l’Iphone. Il progetto non l’ho mai stampato… ma un giorno di questi potrei davvero fare la pazzia, non lo so, vedremo.

Questo era il primo scatto. E decisi come primo scatto di immortalare la fessura del portone di casa mia mentre lo aprivo. Perchè uscivo al mondo, no? Perchè usciva con me il mio iPhone con tutte le sue applicazioni fotografiche tipo Hipstamatic – che è un sacco bella e performante!

Oggi sono uscito da quella casa che era stata per un periodo la mia vecchia casa, che è tornata ad essere casa mia finchè non starò davvero ma davvero bene. E siccome avevo un poco di paura, perchè dovevo confrontarmi con tutti anche se con la parlantina mezza zoppa e un pochino sghemba… mi sentivo come quel giorno: che faccio esco? che faccio scatto? ci riuscirò?

Per questo l’ho recuperato questo scatto, ho ritrovato questa foto e l’ho messa qui. Quasi per dirmi che da oggi si comincia di nuovo. Però una cosa nuova: un progetto fatto di un passo al giorno, un risultato alla settimana, un desiderio al mese. Che è un progetto che si chiama Live your Life, cioè per i non anglofoni Viviti la vita. Come hanno suggerito i “professori”. Ma io mi chiedo, può essere che siamo ancora agli anni ’80 che certi professionisti si chiamano “professori” se stanno in un posto preciso? Mah!

Intanto per la sezione Radio volevo postare, vorrei da giorni, un pezzo dei Baustelle… ma non posso per via di una serie di promesse fatte… ad una persona più di tutte.

IMG_1898

(questo era lo scatto 93 di quel progetto… ci stava oggi per il video)

Per cui non posterò quella canzone. Solo che volevo proprio la voce di Francesco Bianconi per staccare e spegnere il PC oggi. E allora scelgo questa, direttamente dal cassetto che contiene ben custoditi i pezzi che non so se poi una volta suggeriti sono stati mai ascoltati… e la cosa mi fa girare le palle in maniera incredibile. (A voi no?). Il pezzo è “La cometa di Halley” e mi ricordo quando ero piccolo, giovane e stupido… e come per tutte le comete e tutte le eclissi pensavo… “Chissà quando mi ricapita!”. Pare che ci siano comete da queste parti ogni anno. C’è una eclissi da che mi ricordo ogni 2/3 anni. Quella di Halley, come cometa, però, lo so, passerà di nuovo che forse non ci sarò più. Come dire che ci sono cose belle che sono belle perchè sono uniche! Resta solo da capire se esistono ancora!

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,