Archivi tag: milan

Il mio amico pornografo

Per un po’ di post mi perdonerete se vi ricordo di visitare anche il nuovo blog della Karashò e seguirlo!

 

Lo sapete, mi avete spesso sentito invocare personaggi fantastici, fantasmagorici, formidabili: Darth Vader, Hannibal Lecter, Biondoddio e Gesummaria. Ultimamente mi avete sentito invocare Riccardo Schicchi.

E’ il momento di presentarvi un altro protagonista assoluto della mia personalissima Teogonia: Erik Thoir, pornografo. Vi ricordate come funzionano certe cose, no? Donatello, scultore. Baudelaire, poeta. Rimbaud, cazzaro (più o meno). Apollinaire, depravato. Ecco, Erik Thoir, pornografo. E quando morrà, spero il giorno più lontano della Storia, metteremo accanto alla dicitura l’alfa e l’omega.
Veniva da lontano, dall’Indonesia. Dov’è? Non lo so. La confondo sempre con la Malaysia, con la Birmania. Non sono molto sicuro. Sono quasi certo si tratti di una roba tipo isole e isolette. Credo. Protesto forte ignoranza in materia sebbene, a differenza di quello screanzato pazzerello di Ferrero, collega sampdoriano, io sappia benissimo che Indonesiano e Filippino sono due cose diverse e mai mi sognerei di dire “MOratti è un fesso che s’è messo al timone il filippino”. Scherzando di pessimo ma divertentissimo gusto sul fatto che i filippini costituiscono i 10/11 della nazionale di governanti di casa mondiale dei ricchi.

tohir_ava

Thoir come tutte le cose strane che arrivano da quei paesi strani, è uno che di mesteire fa i soldi. Cemento, palazzi, tanti palazzi, tante costruzioni. Da piccolo però non amava i Lego. Adorava i giornali. Quindi, palazzinaro e imprenditore edile ma ben ancorato al sistema dell’informazione del suo paese. Uno così, all’inizio, prima di sapere alcuni dettagli affascinanti, mi dicevo che doveva comprarsi il Milan, non l’Inter… per evidenti assonanze con la vecchia dirigenza. Amo il Gattopardo, del resto… e “Tutto cambi perchè nulla cambi!”. Invece no…

Ora sono contentissimo che Erik Thoir sia il nostro presidente. Per dire: uno così gli Juventini se lo sognano. Uno così: proprietario di tantissime cose tra cui pacchetti azionari di colossi dell’editoria multimediale niente male… come Brazzers e Naughty America. Mica roba da poco! Ecco perchè sono due anni che vi invoglio a fare account annuali a pagamento su quei siti: una pugnetta al giorno e contribuite al pagamento dello 0,0001% di persone come Icardi, Palacio e simili. Juventini cari non dite che non vi fate le pugnette! Juventini cari non protestate ignoranza dicendo “Io vado sui siti gratis…”. Quelli li ripagate con la pubblicità… spero non ignoriate che i proprietari dei siti gratis sono gli stessi dei siti a pagamento!

Bene: Erik Thor, abbreviato ET come il mio migliore amico di sempre, Erik Thoir è il santo da pregare prima di rivolgere la propria attenzione ad una qualsiasi intrapresa economica. Pregatelo forte, ogni mattina… Tipo Ganesh, quella specie di elefante col volto un po’ bloso ed il corpo antropomorfo! Ed offritegli libagioni spesso, molto spesso. Ne sarà felicissimo e le cose andranno bene. Perchè con l’Inter non funziona? Mai sentito parlare di Eccezione che conferma la regola?

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Io che mi sono fatto delle promesse ed ho fatto delle promesse, proprio io e proprio per queste promesse non dovrei fare quello che sto facendo!

Perchè se è vero che ho detto che smetto di pensare (ci provo) ma non smetto di sentire… è pur vero che se io ci penso, quel che penso mi ripensa. E quel che penso non deve pensarmi… almeno non stasera dalle 20:45 alle 22:15 o giù di lì. Conoscendo quel che penso ed il potere di quel che penso quando mi pensa… meglio che non mi pensi almeno fino alle 22:45… visto che entro i tre minuti di recupero i goal possono essere determinanti, importanti. Ed una dice “Ah ma sta vincendo l’Inter!”… e immediatamente come per magia l’Inter ne prende uno che nemmeno hai finito di mettere il punto esclamativo dietro la frase “Ah, ma sta vincendo l’Inter…”. Perchè già stasera in tribuna ci sarà Thoir… che mi da fastidio lo chiamino con le iniziali E.T. perchè per me ET è il piccolo alieno extraterrestre del film di Spielberg, il piccolo amico immaginario dei sogni di ciascuno di noi che perlatro è pure così diverso da insegnarci ad amare il diverso proprio perchè è diverso ed a non essere razzisti. Dicevo, già stasera ci sarà in tribuna Thoir… e noi tutti sappiamo che l’indonesiano porta sfiga forte ma proprio forte, cioè peggio del signor 1+8. Allora… già c’è lui… può bastare no?
Se anche ci penso, sbagliando – io posso sbagliare, come il resto del mondo non è immacolato – allora se anche ci penso, spero che quel che penso non mi ripensi. Perchè ha poteri spaventosi quando si mette a pensarmi. Soprattutto con l’Inter. No, basta. Già mi sono interdetti la Gazzetta dello Sport e i visi dei giocatori… ed è stata una settimana atroce, con il derby alle porte e con un articolo inutile al giorno su temi pruriginosi di un derby tra “vecchie glorie ormai quasi provinciali” che non ha più nulla da dire e nulla per attirare l’attenzione. Già mi è interdetta la vicenda Icardi…

11160268_10206187516917417_1364020693_n

… Se poi stamattina becco sul giornale una foto come quella che ho rielaborato io e che vedete da queste parti, con Icardi con le gambe incrociate e le braccia tatuate e mi scopro incredibilmente simile a lui per tutta una serie di enormi motivi, non posso che non prendermela con un destino beffardo, stronzo e tremendamente attrezzato di ironia nera! Perchè io c’ho le braccia tutte tatuate. E perchè io, quando mi scappa da cacare, davvero, non in senso metaforico – ma ormai mi vivo completamente immerso di metafore fuor di metafora – io se in quel momento non posso cacare o non è bene che vada a cacare, allora incrocio le gambe proprio come Icardi nella foto e stringo le chiappe per farla risalire su, per ricacciare indietro la moffetta che fa capolino. E allora facciamo così: io non sono solipsista, non credo che se penso una cosa essa esiste e se smetto di pensare una cosa, quella cosa per magia davero non esiste più, cioè tipo che sparisce… io non sono solipsista ma facciamo un gioco. Giochiamo a che se io leggo di Icardi ed in quel momento penso quella cosa che poi di solito mi ripensa… giochiamo che tutto questo non succede. Giochiamo che io leggo di Inter, leggo di Icardi… e se anche mi capita di pensare… non mi ripensa. Almeno per un po’. Almeno sull’Inter. Almeno stasera! Dai… te ne prego… te ne prego Infinito!

E niente… poi vedi queste cose qui… vedi quel video, con tutti quei visi… ed hai un colpo al cuore. E ti convinci che certe cose anche se le chiedi in ginocchio al destino, il destino ti odia e non le fa. Non smetterai di pensare. Non smetterà di ripensarti… salvo grandissimi sforzi di buona volontà, enorme generosità ed incrollabile Amore… perchè il destino è stronzo, beffardo e juventino come quello che se penso mi ripensa. Sì, juventino… quindi peggio del peggio. E sapete perchè? Perchè è ingiusto e beffardo e profondamente sadico vedere il video originale dell’inno ufficiale più bello e più vero che si possa – un inno che presto vi spiegherò perchè dice tanto anche di me… e vedere che dopo Il Capitano Javier Zanetti, uno dei pochi uomini che ammiro, stimo ed a cui voglio davvero bene… compaia una merda di uomo come Cannavaro, uno stronzomerdone mica tanto qualsiasi… uno che dopo essere costato un sacco di miliardi di lire si fece rivendere giocando volutamente malissimo… e si fece rivendere a due lire… e si fece rivendere alla Juventus… e poi sappiamo tutti com’è andata!

Ti prego… io forse non riesco a non pensare. Ma tu non ripensarmi, fammi vedere fino in fondo che la Juventus è una questione ormai superata. Fammi vedere davvero che un poco, un pochino… posso credere che il destino mi voglia bene! 11160379_10206188621585033_1486752809_n

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci