Archivi tag: neo-single

Guida per Neo-Single: i cazzinculo gravissimi da evitare… (Parte 1 di X)

Allora… l’abbiamo sempre detto: il ribaltamento delle situazioni è uno stato dell’anima ed uno strumento irrinunciabile per resistere agli scossoni della inedita condizione e vivere felice. E dovete cominciare proprio dalla affermazione: NOn sono un ex… sono un Neo-Single. Solo in questo modo avete la possibilità di fare un passo di lato, mettervi comodi in poltrona e guardare il mondo come davvero è, con una prospettiva di propfondità differente da quella frontale.

Nello stare di lato, potrete percepire una serie di avvenimenti, segnali, oggetti, che la situazione, posta frontalmente, non vi permette di analizzare, vista la sua magneticità e la tendenza ad essere “ingombrante” psicologicamente. Facciamo il passo di lato. Fallo! Te lo ripeto perchè stai ancora fermo lì davanti. Non è bene, spostati.

Oh, finalmente!

Visto come tutto ha una forma nuova e differente? Visto come ti è già più facile dire: “Sono un Neo-Single”? Semplice… non hai più davanti la persona che ti racconta, ti vive, ti dipinge come il tuo ex… e siccome non ce l’hai più di fronte, non è più il suo il punto di vista assolutizzante. Il suo è uno dei punti di vista e tanto basta. Il problema è che, vuoi o non vuoi, tu sei un Neo-Singel e la guardi di lato… ma, ammettiamolo, lei è ancora lì… sullo sfondo o proprio di fronte a te. Ed hai ragione a dirmi che non è semplice non pensare, che è forzato inizialmente non raccontarsi più come l’ex. Hai perfettamente ragione e non sto qui a negarlo o a convincerti del contrario. Il problema è tutto nella elaborazione.

1407161851

E’ finita. Era ora!

Anche perchè, diciamolo… se ci stai soffrendo, se passi del tempo ad elaborare, se zoppichi nel riprendere a camminare… molto probabilmente “E’ finita” lo ha detto lei e tu solo ora stai prendendo in considerazione l’ipotesi di dire “Era ora…”. E’ il momento più critico e drammatico. E’ il momento da superare. E’ il momento in cui massimamente devi essere consapevole di essere esposto a stimoli contrastanti e perigliosi. Ora, proprio ora, le forze del Male sono sotto le tue mura che ti assediano. Cerchiamo di capirci di più. Adesso c’è una cosa di cui tu avresti realmente bisogno. Non perchè io sia sadico… ma perchè è provato: deve cadere il velo dell’illusione. Tu devi avere coerentemente sotto gli occhi che la cosa è finita. Dovresti, a mio parere, quasi ossessivamente sperare di prendere le metaforiche 5 dita in faccia che ti facciano risvegliare dall’incubo.

Sotto sotto sai che ti farebbe piacere, tanto piacere, rivederla ma vederla con un altro. Sì, non negarlo. E’ una di quelle cose che attendi con un freudiano “fear and desire”. La vedi abbracciata, sorridente, felice con un altro e lì… “Ahhh… che liberazione!”. Poi ti chiudi in casa e ti fai una testa di pianti. Poi ti chiudi in casa e ti massacri… ma hai visto. L’illusione è crollata. Quell'”E’ finita ti si stampa in testa grande quanto una casa e tu hai due alternative praticabili: il suicidio oppure lo splendido spirito di sopravvivenza. Non temo di essere chiamato a rispondere di istigazione al suicidio per un semplice fatto: se stai leggendo il blog e se sei arrivato fino qui… non ci sono riuscito a convincerti che la tua inutile vita non merita di essere vissuta. Per cui la ltua lettura è solo un modo di sopravvivere. Vediamo come meterlo a frutto.

Abbiamo detto che sotto sotto ti farebbe non bene ma benissimo una cosa del genere. Caro mio, sai meglio di me che è vero. Quanto ti farebbe bene essere bloccato su whatsapp e messanger e facebook vero? Lì a doverti abituare a dover fare a meno di lei, di sapere dove va lei, di capire cosa fa lei… Quanto ti farebbe bene, vero? E quanto alti sarebbero i tuoi salti di gioia se lei, arrivando in un posto dove sei, platealmente salutasse tutti meno che te in entrata e in uscita… quando splendidamente desiderabile sarebbe la condizione in cui lei si siede senza darti le spalle e senza risolini isterici, senza movimenti di spalla, senza sguaiate risate incontrollate e nervose, vivesse la sua serata con serafica tranquillità ignorandoti.. e magari andando via di nuovo negasse la tua presenza salutando tutti meno che te.. anche quella che aveva sempre definito “stronza inguaribile”…

Te la dico all’inglese… “Sarebbe meraviglioso!”.

110316solitudine

Il problema interviene quando, per una ragione o per un’altra… queste cose accadono solo a metà. IUl problema avviene quando la ragazza in questione ti blocca su FB e WA senza farne lei stessa un grande utilizzo… anzi, a ben guardare, senza che lei sia una che abbia mai utilizzato il social. Che senso ha? Te lo spiego serenamente: lei sta solo negando il principio di reciprocità della cosa. E’ lei che in questo momento ha bisogno di negarsi la lettura della tua bacheca o del tuo ultimo accesso. La cosa non deve importarti, sia chiaro! Ognuno adotta le strategie che preferisce per passare da EX a Neo-Single… lei sta facendo la stessa cosa. Solo con strumenti diversi. e se lei vuole essere una Neo-Single come te… accetta la cosa. Non chiederti che senso abbia obbligarsi a stare lontano da te ed obbligarsi a non leggere. Non chiederti che senso abbia dire che si è felici provando struggenza nel momento in cui si viene a contatto con te. Guarda la cosa di lato: “Sentimenti e rimorsi la divorano?” – “E ‘sti cazzi?!”.
Lei si fa vedere in giro con un altro e rifugge il tuo sguardo.. e si allontana da lui… e fa i salti per non essere vista a meno di un metro da lui? Sì, lo so, ti fa ancora più male: con un altro in giro e non hai le ovaie di sostenere la cosa?… ma porta pazienza…è evidente… lei sta semplicemente cercando il modo di “abituarsi lei per prima” a questa situazione nel mentre educa te alla nuova condizione. Non ti sfiori nemmeno lontanamente che lei non è sicura di quello che sta facendo. Lei sa cosa vuole… solo non sa come farlo. E vuole che sia chiaro a te ed a tutti che con te è finita! E tu ripeti con me: “Era ora!”. Sì, lo so, non è il modo migliore per dimostralo… ma si sa… le femmine sono quel curioso essere vivente capace di ribaltare il sì in un no ed il no in un sì… per cui… porta pazienza e non rimetterti a guardare le cose frontalmente. Non ti sfiori l’idea che lei non è serena con la sua nuova scelta fiammante! Smettila… lo stai pensando troppe volte. Guarda la cosa di lato: “Non è sicura? E ‘sti grancazzi?!”.
Non la incontravi così tanto da secoli… vi inciampate in continuazione… siete sempre tra i piedi… Succede! Anche se vivete a Niuiornia… succede! Bene… Lei invece di sostenere il vostro sguardo lo rifugge, abbassa il capo, affretta il passo… chiede al mondo semplicemente di sparire? E’ normale. So bene che ti farebbe molto meglio guardarla felice e serena, testa alta e passo svelto divorare l’asfalto lì sotto e avanzare verso di te con un sorriso che ti dica: “Ah ciao, sei qui? Vedi? Come ti ho detto, senza te sono felice…”. Lo so… fa male come condizione… ma sai che c’è? Ribalta la cosa: “Non ha la forza di incrociare il mio sguardo perchè sa che ci resta sotto e non vuole soffrire?” – “Sti grancazzi metticeli perchè va benissimo così…”.  E lo stesso, stessissimo ragionamento vale se lei ti nega il saluto all’entrata ed all’uscita ti saluta come un cagnolino bastonato. Vale la stessa identica cosa. Niente di diverso, assolutamente.

Lo so, caro… è difficilissimo star lì a vivere queste situazioni e tenere la barra dritta. Sei sempre sul punto di chiamarla a telefono… è rimasto solo quello, magari, per parlarle e… “Lei mi deve rendere conto!”… ma ti assicuro che non è la scelta giusta. Ti risponderebbe che “… dei miei conti si occupano le mie amiche che continuano a monitorare tutto quello che scrivi… quindi… fiuuuuuuu” alla Cecco-Abbatantuono in Fantozzi contro Tutti. Tu devi guardare la situazione di lato: “Sti grancazzi”… anche perchè la realtà è che… seppure sono tutti indicatori di un “E’ finita ma non ci credo nemmeno io…” e la tua risposta dovrebbe essere: “Manocheccazzo… non Era ora?!”… è anche vero che devi essere corazzato per l’evenienza. E stare lì a rimuginare su questo o su quello ti fa riflettere sul modo e non sull’oggetto.

sadness_009er

Quindi smettila di guardare la messinscena del tutto… e guarda a te. Facendo il benedetto passo di lato.
Lo so, questi sono cazzinculo gravissimi… il punto che da ubriaco diventano due punti e tu dici: sono ubriaco i punti sono tre ma ne vedo due… e le cose restano sospese. No.,.. non ti fa bene… sono cose che ti fanno rimettere frontalmente e non di lato. Vivi sereno… evitale!

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Neo-Single… la rubrica che fa per te! Dal 2 Novembre su questi schermi!

Stamattina ti sei svegliato. A differenza di altri giorni, invece che “E’ finita!” hai esclamato “Era ora” guardandoti in faccia?
Bene… Era Ora! Sì, ok… scommetto che continuando a guardarti in faccia e valutando che hai una barba decisamente malmessa, che hai bisogno di un “tagliando di manutenzione” e che è il momento di toglierti quella epsressione imbolsita dalla faccia ti starai anche chiedendo… “Sarà anche l’ora… sì, ma ora?”.
Niente paura… ci sono sempre dieci valide risposte ad ogni singola domanda che potrai porti.
L’importante è che tu tenga a mente, da oggi, dieci semplicissimi dettagli che il complotto femminilgiudaicomassonico ha cercato di metterti in testa nel momento in cui sei diventato un Neo-Single (loro diranno un ex, egocentriche di merda!).
Sono le dieci risposte alle dieci più grandi bugie che tu stesso possa finire a raccontarti.

uomo-Vs-donna

1 – Sono solo come un cane.
Difficile, caro mio… sei in compagnia della persona più prodigiosa che tu conosca: Te Stesso!

2 – Ma non mi piaccio… sono diventato un essere triste, un orso barboso, un vegetale.
Valuta attentamente: se sei un Neo-Single sei tecnicamente l’ex di qualcuno. E lo sei diventato perchè qualcosa è andato storto. E non lo ha fatto dall’oggi al domani… Vuoi vedere che quel breve o lungo volgere di minuti o stagioni è il solo responsabile di questo annebbiamento e tu sei sempre il solito entusiasta stronzomerdone che eri?

3 – No, le sue amiche hanno ragione, è tutta colpa mia!
Mi spiace contraddirti, stai solo attraversando la più cupa delle fasi, quella della commiserazione. Hai mai pensato che siano le sue amiche, gran parte dei suoi problemi? Osserva attentamente. Visto? Lo dicevi, tu! Lo so, dopo un primo sì sei tentato dal proseguire dicendoti che…

decision

4 – Sono condannato ad una triste esistenza fatta di divano, paytv, tramonti dalla finestra.
Qui ti sbagli, mio caro: i tramonti sono belli. Che ne sai, magari ritorni fotografo! Ah, sì, per il resto: divano e DECODER (non usare espressioni femminili come pay-tv che ti ricordano anche che le devi pagare e poi ti vengono i sensi di colpa!) sono sostantivi maschili che ti terranno compagnia alla bisogna e non ti negheranno mai il piacere di una bestemmia o di un pomeriggio di relax. Per tutto il resto c’è tutto quello che tu possa scegliere di fare senza dipendere da una aderente al complotto femminilgiudaicomassonico… cioè senza una femmina.

Niek

5 – Sioccheimaaaaa, ora che faccio?
Ricominci dai fondamentali, mio caro. Ricominci dall’ABC.

6 – A B C come Adele – Brigida – Carlotta?
No, caro… se stai pensando di scorrere la rubrica alla ricerca di una nuova pericolosissima quanto inutile compagnia femminile per il resto dei tuoi giorni stai già sbagliando. Ricomincia da quel tuo amico ETEROSESSUALE di nome Alberto che non è fidanzato, chiama Bartolo, sempre che anche lui sia ETERO e non impegnato. O prova a cercare Carlo. Magari, in sua compagnia, visto che anche a lui non piace l’uomo… fai stasera quel qualsiasicosa che è diverso dallo stare per conto tuo o peggio dal dipendere dai capricci di una aderente al complotto femminilgiudaicomassonico. Perchè c’è sempre qualcosa che ti piaceva fare che…

7 – Ma ti ricordi quante passioni avevo, prima?
Davvero? E non dirmi che sono andate via?! Le avevi messe nel cassetto. Al massimo togli quel po’ di polvere che può esserci… fidati, apri, stanno lì. Dai… muoviti…

10-motivi-per-uscire-con-un-uomo-che-sa-cucinare-2470566254[5711]x[3808]360x240

8 – Sì, vabbè, la fai facile…
No, stronzomerdone… non è facile. E’ semplicemente bello! E’ il bello di ritrovarsi in tasca tutto quello che avevi e non riuscivi più a vedere. Cominciando da te, che sei ancora lì a guardarti allo specchio senza aver capito, in dieci semplici secondi, che quel che pensi non è vero. Che lì fuori c’hai un mondo per te… ed una sola cosa non è vera: quel mondo ha tanta voglia di filarti… altro che quello che il complotto femminilgiudaicomassonico ti ha messo in testa… altro quello che stai pensando e cioè…

9 – Sì ma a me chi mi prende?
C’è la fila! Breve o corta che sia. E fidati che c’è… c’è per tutti… sono infinite le combinazioni, là fuori. Oltretutto, molto spesso sei lì a chiederti come abbia fatto la femminilgiudaicomassona che ti ha mollato ad andarselo a trovare proprio lì dove se l’è trovato e in così breve tempo… Ecco, cos’ha in più di te, lei? (DI LUI NON TE NE FREGA UNA PIPPA! almeno, non è proprio il caso che te ne freghi!) Niente! Ha solo fatto l’errore madornale di cercarselo troppo presto! Quindi… da buon italiano che sei… allo sportello falla un attimo aspettare, quella coda. Loro non sono la priorità. Tra te e loro c’è il tuo caffè, i voti dei tuoi giocatori della tua squadra di fantacalcio, quella recensione di trip advisor su quel posto dove volevi andare, quell’articolo che volevi leggere, quella foto che volevi scattare, quel weekend lì dove volevi andare… l’importante è non chiedersi…

132607754-98760e7e-0e75-4218-aaef-b1f03f78515a

10 – Simaaaaquindiiiii passa presto?
Non chiedertelo, caro, perchè non è una influenza o una condanna. E’ solo una opportunità. Per alcuni finisce per durare una vita, una vita felice. Per cui muoviti a fare ‘sta cazzo di barba che è già tardi! E, sì, stai tranquillo… quella che vedi lì alle tue spalle… è solo una allucinazione. Tranquillo… è andata via. Ed era ora!
shame-19

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,